Scienze

India, Asia, Nepal: scontro tra continenti

Terremoti: un'ipotesi del Mit per spiegare il moto del subcontinente indiano e le tensioni che si scaricano in devastanti sismi.

Il terremoto del Nepal del 25 aprile 2015 è l’ultima testimonianza delle forze planetarie in gioco tra l’India e il continente euroasiatico. In questo gioco di scontri continentali, quello che è sempre stato difficile da spiegare è la velocità con la quale l’India si è mossa nel suo tratto di mare, l’Oceano Indiano, allorché circa 80 milioni di anni fa, dopo essersi staccata dal supercontinente Gondwana, iniziò a muoversi verso nord-nord est (vedi il disegno sopra).

Velocista: perché? L'India ha attraversato l'oceano alla ragguardevole velocità di 15 cm l’anno, quando le altre placche, nella maggior parte dei casi, ancora oggi si muovono a 5-6 cm l'anno.

Il percorso dell'India verso nord: a) La posizione attuale dell'India; b), c) quando l'India era lontana dall'Asia, l'oceano si infilava sotto se stesso (la linea rossa sopra l'India, con i triangolini) e sotto l'Asia (la linea rossa più a nord); d), e) l'India spinge la zona di subduzione in mezzo all'oceano verso nord, dove diventa tutt'uno con la zona di subduzione che c'era in prossimità dell'Asia.

L'India ha mantenuto quella velocità fino a 45-50 milioni di anni fa, quando si è scontrata con l’Asia, originando dapprima il Karakorum e poi l’Himalaya. La domanda dei geologi è sempre stata: che cosa l'ha fatta correre in questo modo?

Il terremoto del 25 aprile 2015 è la testimonianza delle tensioni ancora attive nel cuore dell'Himalaya.

Adesso una ricerca del Mit propone una risposta. I ricercatori ritengono che sia stata “tirata” verso nord da due zone di subduzione. Le zone di subduzione sono aree dove una placca, incontrandone un’altra, le finisce al di sotto. Oggi un esempio si ha là dove l’Oceano Pacifico si scontra con le Americhe. Ebbene sembra che quando l’India si trovava nell’Oceano Indiano quest’ultimo subduceva sotto se stesso nel bel mezzo dell’Oceano e a nord si infilava sotto l’Asia (vedi disegno sopra).

In base a questa ipotesi, vi erano due fasce dove l’oceano davanti all’India andava sotto un’altra porzione di crosta terrestre. «Questo - spiega Oliver Jagoutz, del Mit - ha fatto sì che l’India venisse tirata verso nord a una velocità doppia rispetto ad altre zolle.»

L'Everest, nel cuore dell'Himalaya.

Continua a spingere. Il ricercatore afferma che cercando all’interno della catena dell’Himalaya si possono trovare indizi geologici di questa doppia subduzione. Sta di fatto che l’India non ha terminato la sua corsa verso nord e continua a schiacciare l’Asia a una velocità di 4-5 cm l’anno. Questo concentra una enorme quantità di energia nel sottosuolo: energia che periodicamente si scarica, producendo terremoti come quello del Nepal.

Vedi anche

6 maggio 2015 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us