Scienze

In Giappone una nuova rete di allerta tsunami

Un insieme di sensori sul fondo del mare dà l'allarme entro 7 minuti dal sisma, anticipando l'evacuazione: nel marzo 2011 avrebbe consentito di salvare migliaia di persone.

Un nuovo sistema di sensori sottomarini in fase di test in Giappone avrebbe potuto ridurre notevolmente le vittime dello tsunami del marzo 2011, il maremoto generato dal sisma di magnitudo 8.9 che costò la vita a 22 mila persone.

Ne sono convinti gli scienziati dell'università dell'Hokkaido: la rete di sensori sismici e di pressione disseminata sui fondali in corrispondenza delle faglie attive, avrebbe dato l'allarme in 7 minuti o poco meno. Sei anni fa, dopo il sisma ce ne vollero 30 per fare scattare l'evacuazione.

geologia, terremoti, tsunami, faglia inversa, piano di faglia, tettonica, sismologia
Nuove ricerche: il fenomeno della faglia inversa (vedi) scatena terremoti che possono aprire e chiudere immense voragini sulla Terra e scatenare tsunami come quello che ha colpito il Giappone nel 2011.

Previsioni. L'algoritmo utilizza i dati sulle tipiche onde di tsunami, quelli sulle deformazioni del fondale rilevati dai satelliti e un database su terremoti storici per calcolare in automatico l'ampiezza dell'onda, l'area che investirà e in quanto tempo lo farà, senza bisogno di informazioni precise sull'entità del terremoto che l'ha generata.

Pronto. Il sistema è già operativo lungo la frattura di Nankai, al largo della costa sud-est del Paese, e il National Institute of Disaster Prevention giapponese lo sta ora installando nella faglia che diede origine al sisma di Tohoku, nel 2011. Il nuovo network di 125 sensori, a 30 km di distanza l'uno dall'altro, potrebbe salvare migliaia di vite in un Paese in cui gli tsunami sono particolarmente rapidi e distruttivi, perché si formano vicino alla costa.

3 maggio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us