Scienze

In città le dimensioni contano

Più sono grandi più sono lente e pesanti. È quello che hanno sempre pensato gli scienziati a proposito delle grandi città. Perché come un qualsiasi organismo vivente di grandi dimensioni, per esempio un elefante o una balena, i centri urbani più sono grandi più hanno bisogno di energia per svilupparsi e non possono farlo velocemente.
Ma oggi una nuova ricerca dell’università dell’Arizona, contraddice questa ipotesi "biologica". I ricercatori hanno analizzato lo sviluppo degli ultimi 150 anni di alcune grandi città americane, europee e cinesi, misurando il consumo di acqua e di altre risorse naturali, calcolando poi il tasso di sviluppo urbano: le infrastrutture, il benessere dei cittadini e la creatività (brevetti, investimenti, ricerca). Sorprendemente si sono accorti che, a differenza degli animali, le città più grandi sono più "vanno" velocemente. E nonostante siano appesantite da problemi gravosi come il traffico, l’inquinamento e la criminalità, riescono a produrre (lavoro, benessere e innovazioni) molto più di quel che consumano rinnovandosi molto in fretta.
Questo nuovo modello scientifico di analisi dello sviluppo urbano ha evidenziato un "comportamento" che non esiste a livello biologico e secondo gli scienziati servirà, a considerare le grandi città come una realtà esclusivamente umana, non paragonabile a nessun altro sistema naturale, cambiando allo stesso tempo la prospettiva sulle metropoli (dove ormai abita la metà della popolazione mondiale, ma la cifra è destinata a crescere): non più fonti di problemi, ma di soluzioni.

18 aprile 2007
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita, privata e politica, di Winston Churchill, il grande statista inglese che ha salvato il mondo dalla follia di Hitler. Il segreto della sua forza, le – non poche – debolezze, l'infanzia e i talenti dell'inquilino più famoso di Downing Street. E ancora: come nel 1021 il vichingo Leif Eriksson “scoprì” l'America; nella Vienna di Klimt; tutti gli inquilini del Quirinale; Tangentopoli e la fine della Prima Repubblica.

ABBONATI A 29,90€

Il lockdown e la rivoluzione digitale stanno cambiando il nostro modo di curarci. Ecco come gestire al meglio televisite e bit-terapie. Inoltre, gli impianti nucleari di nuova generazione; la prima missione del programma Artemis che ci riporterà sulla Luna; i vaccini e le infinite varianti del Coronavirus

ABBONATI A 31,90€
Follow us