Scienze

Sant'Elena: il vulcano si ricarica

Una serie di tremori indica che nuovo magma sta entrando nella camera magmatica: al momento, però, il livello di allarme è basso.

Dall'inizio del 2016, e in particolar modo dallo scorso mese di marzo, sotto il vulcano St. Helens si è innescata una serie di terremoti: l'ipocentro, il punto all'interno della Terra dove inizia la frattura che genera il terremoto, si trova tra i 2 e i 7 chilometri di profondità e l'intensità va da pochi decimi sopra lo zero della scala Richter fino a 3, con una media attorno al grado 2.

Il vulcano, il giorno prima dell'eruzione. © USGS

I vulcanologi dell'USGS, il Servizio geologico degli Stati Uniti, interpretano il fenomeno come legato all'arrivo di materiale fuso nella camera magmatica sotto il vulcano: quando ciò succede, il nuovo magma deve farsi spazio e così frantuma le rocce, provocando i sismi.

Luce verde. La notizia è stata interpretata da molti come il segnale di una imminente e grossa eruzione, simile a quella del 1980, quando un'esplosione abbassò la cima del vulcano di oltre 350 metri, causò una frana di 2,5 chilometri cubi di materiale e le polveri emesse oscurarono il cielo per un raggio di 200 chilometri.

Il vulcano ai nostri giorni. © USGS

L'USGS però sostiene che siamo lontani da una simile eventualità e cita fenomeni analoghi che si sono ripetuti più volte dal 1988, in taluni casi con una maggiore intensità rispetto all'attuale. È vero che la sequenza sismica del 1998-99 fu seguita da un'eruzione, ma di tipo effusivo e non esplosivo, e quindi senza particolari conseguenze, ma al momento non ci sono segni di un ritorno in vita del vulcano neppure in quella modalità e il livello di allerta non è stato alzato e resta "verde" (nessun pericolo).

È anche vero, però, che l'eruzione catastrofica del 1980 avvenne dopo una lunga pausa di terremoti intensi, quando sembrava che il pericolo di un'eruzione esplosiva si fosse allontanato. Poi l'eruzione, il terremoto di magnitudo 5,2 e la gigantesca frana si verificarono insieme e senza preavviso: ogni eruzione fa dunque storia a sé.

Vedi anche

12 maggio 2016 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us