Scienze

Il videogame da bar è in 3D

Tornano i videogiochi '80, ma in 3D!

Il 3D sta dando una bella rinnovata a molti prodotti tecnologici, ma ora potrebbe pure servire per riesumare i vecchi (e mitici!) videogiochi da bar degli anni ‘80, adesso tristemente sostituiti da squallidi videopoker nei locali della Penisola.

“Un nuovo cabinet di Konami, con occhiali e schermo 3D, per correre in automobile”

Le macchinette mangiasoldi – Chi è stato un bimbo nei ruggenti ’80 ha speso miriadi di monetine dentro ai “cabinet” di sale giochi e bar, per giocare a Pac Man, Tetris e videogames. Ma, durante gli anni ’90, questi classici del videogioco sono stati sostituiti in Italia dal business del videopoker, complice la politica di liberalizzazione del gioco di pseudo azzardo. Oggi i cabinet coi videogiochi sono relegati alle poche sale giochi sopravvissute e a qualche stiloso salotto come pezzi di modernariato vintage. Ma all’estero sono ancora molto diffusi: sia nei bar d’Europa, che in Estremo Oriente, dove sono una vera icona e costante del mondo hi-tech.

Novità in 3D – Ora Konami ha lanciato una novità nel settore, con il nuovo gioco Road Fighters: un concept di arcade racing game dove si compete, in varie modalità, in una gara automobilistica. Un classico arcade in salsa motori, tanto per capirsi. Ma la vera novità è che, oltre a volante, pedaliera e cambio, la realtà del gioco aumenta grazie al 3D: il giocatore indossa uno speciale paio di occhiali e guida le auto nella corsa sul monitor ad alta definizione, schivando ostacoli e avversari in tutte e tre le dimensioni. Lo schermo 3D non aumenta solo la simulazione del gioco, ma anche gli effetti di velocità e il feedback dell’automobile: pare davvero di correre e guidare davvero per le strade cittadine.

Videogame spendaccioni. Guarda la gallery!

3 novembre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us