Scienza

Il test delle Macchie di Rorschach funziona?

Il Test di Rorschach, ideato nel 1921, è ancora usato come strumento di indagine della personalità: è uno strumento affidabile?

Non mancano le critiche, ma il Test di Rorschach, ideato nel 1921, è ancora usato come strumento di indagine negli studi sulla personalità: composto da 10 macchie presentate in successione, di ciascuna, alla persona a cui viene somministrato il test viene chiesto "che cosa potrebbe essere?", "che cosa vedi?". Lo psichiatra svizzero Hermann Rorschach (1884-1922) ideò e consolidò il test delle macchie d'inchiostro sulla base delle sue osservazioni sui pazienti di un ospedale psichiatrico, che, affetti dalle stesse patologie, guardando le macchie davano risposte molto simili.

È un test proiettivo: le macchie non rappresentano nulla, per cui ogni persona le interpreta rivelando qualcosa di sé. Funziona? In parte sì, secondo Gregory Meyer (Università di Toledo), che ha esaminato 1.292 studi sperimentali sul test. Lo psicologo ha riscontrato come validi alcuni parametri di interpretazione del test, come quello per cui se una persona vede immagini che richiamano un'idea di passività o impotenza ("un uccello che non riesce a volare") ha tratti di personalità definita dipendente e indecisa. Non sarebbe fondato, invece, il parametro per cui chi si concentra sui dettagli della macchia avrebbe una personalità di tipo ossessivo.

Le critiche. Le tecniche proiettive, come appunto il test delle macchie di Rorschach, sono spesso messe in di­scussione: in particolare, è contestata l'accuratezza che viene attribuita a questi strumenti. Sul test di Rorschach il dibattito è sempre aperto, e i critici sottolineano che i dati sperimentali non giustificano un uso così diffuso. Per esempio, sono state messe sotto accusa l'influenza dell'esaminatore, ma anche alcune interpretazioni (come il collegamento tra risposte legate a colore ed emotività) o l'incapacità di identificare precisamente alcuni disturbi.

24 marzo 2020
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Ascesa e declino di Sparta, la polis greca che dominò il Peloponneso con la sua incredibile forza militare e un'organizzazione sociale che forgiava soldati e cittadini pronti a tutto. Perché Beethoven cambiò per sempre il mondo della musica; gli esordi dell'Aids, l'epidemia che segnò un'epoca.

ABBONATI A 29,90€
Questo numero di Focus è speciale perchè l'astronauta dell'Esa Luca Parmitano ci ha affiancato per realizzare un giornale dedicato alle frontiere della scienza, dalla caccia agli esopianeti alla lotta contro il coronavirus fino agli organi stampati in 3d. Grazie Luca per i tuoi consigli e suggerimenti!
ABBONATI A 29,90€

Cosa posso comprare nel mondo con un euro? Perché i crackers hanno i buchi? Dove vanno i gatti quando spariscono da casa? Quanto può dormire un batterio? Correre una maratona fa ringiovanire? Con Focus D&R trovi più di 250 risposte rigorosamente scientifiche alle domande più curiose, divertenti e (anche) un po' folli che potresti mai immaginare.

 

 

ABBONATI A 14,90€
Follow us