Scienza

Il tempo ruba anche l'immaginazione

Il declino nella memoria, che avviene invecchiando, può anche significare un'immaginazione meno attiva. Secondo un recente studio dell'Università di Harvard, man mano che passano gli anni diventa sempre più difficoltoso, per le nostre strutture cerebrali, mettere insieme i particolari della nostra vita personale passata. Questo processo involutivo, oltre a rubare furtivamente i ricordi a cui siamo più affezionati, sembra diminuire anche la nostra capacità di immaginazione, supportando l'ipotesi che le zone del cervello deputate alle due attività si basino sullo stesso meccanismo neuronale, e quindi che l'immaginare sia strettamente collegato alla memorizzazione. Come riporta Dan Schacter, coordinatore dello studio, quando viene richiesto ai soggetti giovani o meno giovani (età media 25 o 72 anni) non solo di raccontare un episodio personale del proprio passato ma anche di immaginarsi protagonista di un'esperienza futura, gli individui anziani utilizzano un numero decisamente minore e meno dettagliato di particolari rispetto a quelli del gruppo più giovane. I dati suggeriscono anche un'intrigante ipotesi: che il ruolo primario della memoria non sia tanto quello di ricordare il passato, ma di immaginare e preparare il proprio futuro (foto: Alessandro De Felice, La curva del Tempo, olio su tela, cm. 35x45, 2005). [ST]

24 gennaio 2008
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

In viaggio con Dante Alighieri: per scoprire il “suo” Medioevo, seguirlo sulla via dell'esilio e capire i motivi che lo spinsero a scrivere la Divina Commedia, pietra miliare della lingua e della letteratura italiana. E ancora: i segreti di Madame Claude, la maitresse più famosa di Parigi che “inventò” le ragazze squillo; nella Napoli di Gioacchino Murat, il cognato coraggioso e spavaldo di Napoleone.

ABBONATI A 29,90€

Le nostre attività lasciano un’impronta sull’ambiente, ma dobbiamo vivere in un mondo più sostenibile. Come fare? Inoltre: Voyager 2, la navicella più longeva nella storia delle missioni spaziali; come funzionano i reparti di terapia intensiva dove si curano i malati della CoViD-19; cos'è davvero il letargo per gli animali.

ABBONATI A 29,90€

Sul nuovo numero di Focus Domande&Risposte tantissime domande e risposte curiose e inaspettate nel nome della scienza. Per esempio: è vero che la musica fa cambiare sapore al formaggio? E che mariti e mogli con il tempo si assomigliano? E che la solitudine cambia il nostro cervello?

ABBONATI A 29,90€
Follow us