Scienze

Il talento musicale di Beethoven non era scritto nei suoi geni

L'analisi dei geni di Beethoven rivela una scarsa predisposizione a muoversi a tempo di musica: un esempio di come il DNA da solo non spieghi tutto.

Era inevitabile che Beethoven diventasse il genio musicale che la Storia ci ha consegnato? Stando ai suoi geni, probabilmente no. Un'analisi del suo DNA pubblicata su Current Biology ha trovato che aveva una scarsa predisposizione genetica a tenere il ritmo, una capacità fondamentale per un compositore. Lo studio apre una riflessione sulla difficoltà di usare il profilo genetico soltanto per capire se una persona vissuta in passato o un neonato ancora in fasce avesse, o sia destinato ad avere, un talento in qualche disciplina.

risposte Facili. Oppure no? Capire in quale misura alcune eccezionali abilità umane siano influenzate dalla genetica è una sfida che sembrerebbe più semplice da affrontare oggi, con le moderne tecniche di analisi molecolare che rendono persino possibile analizzare il DNA di persone scomparse da secoli. Il DNA di Beethoven estratto da uno dei capelli del musicista era stato sequenziato in uno studio del 2023, che aveva tra l'altro svelato una predisposizione per le malattie del fegato e un'infezione da epatite B (per approfondire).

Ora un gruppo di ricercatori del Centro medico della Vanderbilt University di Nashville, Tennessee (USA) ha usato quei dati genetici per indagare la genetica della sua predisposizione alla musica.

Bocciato! Il team ha calcolato lo "score poligenico", ossia un indice che aggrega il potere predittivo di molte varianti genetiche su una certa caratteristica che si sta studiando, della capacità di muoversi a tempo di musica, che di recente un ampio studio genetico aveva ricollegato a specifici loci (posizioni) su 69 diversi geni. Lo score poligenico di Beethoven è stato confrontato con quello di due diverse popolazioni di migliaia di individui moderni dei quali erano note le doti musicali.

«Fatto interessante, Beethoven, uno dei musicisti più celebrati nella storia, aveva uno score poligenico per la musicalità generale insignificante, rispetto ai campioni di popolazione del Karolinska Institute svedese e del database Vanderbilt's BioVU», conferma Tara Henechowicz, tra gli autori dello studio. Per Beethoven l'indice considerato lo colloca al nono percentile nel campione di popolazione svedese e all'undicesimo per quello statunitense. Essere al nono percentile significa che il 9% della popolazione ha uno score poligenico inferiore e il 91% superiore.

Oltre ai geni c'è di più. Questo non significa che le doti musicali di Beethoven non siano state in ogni caso eccezionali, né che la genetica non abbia un peso nel determinare le abilità in questo campo. Uno studio passato sui gemelli ha infatti dimostrato che il senso musicale ha un'ereditabilità media del 42%.

Certo bisognerebbe mettersi d'accordo su che cosa si intenda per abilità musicali. E calcolare l'importanza di altre variabili, come l'ambiente in cui si cresce, o la dedizione a un'attività.

«Il nostro scopo era usare questo come esempio della problematicità del fare predizioni genetiche su un individuo vissuto oltre 200 anni fa», commenta Henechowicz. «La discrepanza tra la predizione basata sul DNA e il genio musicale di Beethoven fornisce un buon insegnamento, perché dimostra che i test del DNA non possono stabilire se un dato bambino finirà per essere dotato musicalmente». 

14 aprile 2024 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us