Scienze

Il rumore dei jet è sexy per i coccodrilli

Il rumore dei jet li fa innamorare.

Un’informazione che farà felici i grossi rettili che vivono vicini agli aeroporti: uno studio israeliano afferma che il rumore dei motori jet favorisce l’accoppiamento dei coccodrilli.

“Uno studio sul comportamento rivela che i rettili sono sensibili al rumore dei motori”

Rumore fastidioso? – Da sempre le popolazioni limitrofe agli aeroporti si lamentano per i rumori degli aerei che sorvolano le loro teste e le loro case. Ma pare che il frastuono dei motori superonsici dei jet non dia per nulla fastidio ai coccodrilli, anzi il rumore è in grado di favorire il calore negli esemplari femminili, la stagione degli amori e gli accoppiamenti dei grossi rettili.

Aumenta la libido – Secondo un giornale israeliano pare infatti che i coccodrilli siano eccitati dai piloti dell’Air Force israeliana, impegnati nelle esercitazioni coi loro velivoli. In pratica un recente studio svolto in Israele sul comportamento dei rettili, dimostrerebbe che il “boom sonico” nell’alto dei cieli è in grado di stimolare la sessualità degli ignari coccodrilli sottostanti. A quanto pare il potente frastuono dei jet ricorda il naturale richiamo sessuale dei coccodrilli alla ricerca di un partner per procreare. Questi suoni si possono udire nelle zone dove vivono i grossi rettili durante le prime ore delle mattine di primavera, il ruomore emesso dai coccodrilli è talmente forte che si sente a miglia di distanza. Persino i biologi descriviono i suoni emessi come davvero simili al rumore di un veicolo a motore. Ed è per questo che il boom supersonico di un jet è, per i coccodrilli, particolarmente sexy.

Sol Cinema: itinerante ed ecologico. Guarda la gallery!

21 dicembre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us