Focus

Il rogo della Città della Scienza

Le immagini del terribile incendio - probabilmente di origine dolosa - che ha distrutto la Città della Scienza, il piccolo gioiello della divulgazione scientifica di Napoli.
Guarda anche il video dell'incendio.

L'incendio è divampato intorno alle 21.30 di lunedì 4 marzo 2013.

Sono stati distrutti 4 capannoni su 5. Si è salvato soltanto un teatro leggermente lontano dall'area centrale della Città della Scienza.

Sul posto sono accorsi i mezzi di soccorso dei vigili del fuoco.

Per il momento non si hanno notizie sicure sull'origine delle fiamme, non si sa se si tratti di un rogo doloso o meno. Ma, visto il rapidissimo propagarsi delle fiamme contemporaneamente nei quattro capannoni, gli investigatori tengono in forte considerazione l'ipotesi di un gesto criminale.

I vigili del fuoco non sono riusciti subito a domare le fiamme a causa della portata dell'incendio.

In pochi minuti è andato in fumo un polo - nato dall'intuizione di Vittorio Silvestrini, presidente della fondazione Idis - che in una dozzina d'anni aveva guadagnato consensi e credibilità.

La Città della Scienza non è nata solo come luogo dove apprendere praticamente le leggi della scienza, grazie a decine di esperimenti pratici e dimostrazioni dal vivo, ma anche come centro congressi, centro di alta formazione, incubatore di imprese.

Il primo embrione del progetto risale agli anni Novanta; nel 2001 l'inaugurazione del vero e proprio museo interattivo, man mano ampliato da successive realizzazioni.

Sul posto sono arrivate cinque squadre di vigili del fuoco, composte da decine di uomini.

L'incendio è divampato intorno alle 21.30 di lunedì 4 marzo 2013.