Scienze

Il robot più vecchio del mondo

Ecco un robot datato 1950.

La robotica è immortale: nel 1950 un ufficiale inglese della Royal Air Force ha cominciato a costruire un robot androide nel suo garage. E, dopo più di mezzo secolo, la sua creazione è ancora funizionante.

“Un progetto di androide vecchio più di mezzo secolo, che funziona ancora oggi”

Idea precoce - Anthony Sale, che oggi ha 79 anni, durante la metà del secolo scorso ha iniziato a costruire uno dei primi robot umanoidi della Gran Bretagna: George. L’idea è nata nel 1940, quando il geniale inventore aveva appena 12 anni.

George il Robot – La sua creatura ha subito diverse variazioni e innumerevoli modifiche nel tempo, ad esempio è passato da avere un viso statico ad una mascella semovente, che è in grado di simulare il movimento della bocca durante un discorso. L’inventore nel 1949 si è arruolato nella Royal Air Force, dove ha insegnato a i piloti della RAF a usare i sistemi radar. In quel periodo ha avuto l’intuizione di costruire la versione più grand edi George, utilizzando come base l’involucro in alluminio di una bomba caduta vicino alla base militare dove Anthony lavorava. Il suo Robot ha un controlo in remoto ad onde radio ed è alto circa un metro e ottanta centimetri, con due batterie di motocicletta che lo alimentano e gli permettono di muovere le braccia, le gambe, la testa, mentre è seduto o cammina.

Funziona ancora - Anche se non è un robot intelligente, infatti è nato quando i computer erano enormi calcolatori che occupavano un intero appartamento e può eseguire solo semplici comandi meccanici, George è stato rinnovato dopo 45 anni. Al suo creatore è bastato oliare gli ingranaggi, sostituire le pile con due nuove batterie al litio e il Robot si è riacceso e ha ricominciato a camminare come un robotico Frankenstein. Ora George verrà donato al National Museum of Computing di Bletchley Park, come contributo e prova della storia della robotica Made in England.

I segreti di Nintendo. Guarda la gallery!

23 novembre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us