Scienze

Il robot nel cuore del reattore di Fukushima

Dopo sei anni dall’incidente della centrale nucleare un robot è riuscito ad entrare nel reattore numero 3 e a riprendere delle immagini. I danni sono superiori al previsto.

Un robot subacqueo è riuscito a entrare in uno dei reattori gravemente danneggiati dallo tsunami del 2011 della centrale nucleare di Fukushima, in Giappone. Ha catturato le immagini del reattore 3 e delle conseguenze delle esplosioni avvenute all’interno della centrale e poi è riuscito a ritornare dai tecnici. I precedenti tentativi erano riusciti solo parzialmente e con scarsi risultati.

Il successo del lavoro di “Little Sunfish”, come è stato chiamato il robot, è stato annunciato dalla TEPCO (Tokyo Electric Power Co.) che è responsabile degli impianti elettrici nucleari del Giappone.

Takahiro Kimono, portavoce della Società ha detto che è la prima volta che si hanno immagini dei danni provocati dall’esplosione. Dopo un primo tuffo tra i rottami, durante il quale non erano stati evidenziati reperti prodotti dalla fusione del reattore, in un secondo viaggio all'interno del reattore sono state trovate quelli che sembrano essere i resti della fusione del combustibile nucleare.

Il robot ha messo in luce che una grata che stava sotto il nocciolo del reattore non esiste più, forse a causa della fusione del combustibile e di altri materiali che cadevano dall’alto, così come mancano parti di un sistema di sicurezza che doveva contenere le conseguenze delle esplosioni. Dal sopralluogo sembra che questo reattore abbia subito danni peggiori rispetto all’Unità 2.

Un'immagine tratta dl video realizzato da robot entrato nell'Unità 3 della centrale nucleare di Fukushima

Grande come un panino. In questa prima indagine Little Sunfish ha esplorato una struttura chiamata il “piedistallo”, poi è sceso a maggiore profondità dove h trovato i grumi della fusione che assomigliano a volate laviche deposte in più strati.

Nei prossimi giorni si effettueranno altre ispezioni. «Senza dubbio i danni che si osservano sono stati provocati dall’intenso calore che ha causato l’esplosione e la fusione del combustibile», ha spiegato Kimono.

Little Sunfish è un robot grande poco più di un panino, dotato di luci e guidato a distanza da 4 operatori, può muoversi in tutte le direzioni grazie a 5 eliche ed è in grado di raccogliere i dati con due telecamere e un rilevatore di radiazioni. Con le prossime missioni all’interno della centrale, nella parte che è sommersa da circa 6 metri d’acqua, i tecnici vogliono trovare il combustibile che si è fuso e che è precipitato sul fondo della piscina che contiene il nucleo.

Una ripresa aerea dei fumi che salgono dalla centrale nucleare di Fukushima prodotti dalle esplosioni avvenute all'interno di alcune Unità

Inizio smantellamento nel 2021. Questi sopralluoghi sono fondamentali perché la TEPCO vuole rimuovere tutto il combustibile nucleare a partire dal 2021 e sapere con precisione dove si trova e in quali condizioni è importante per dare il via alle operazioni nel modo più efficace e sicuro.

In precedenza si erano già mandati altri due robot nel reattore dell’Univtà 2, uno a forma di scorpione, ma che smise di lavorare appena entrato, e un altro a forma di serpente non è riuscito ad eseguire le riprese a causa dell’intensità delle radiazioni che era superiore di 5 volte quella ipotizzata.

Il robot utilizzato in questi giorni è in grado di tollerare radiazioni fino a 200 sievert, un livello che può uccidere istantaneamente un uomo.

24 luglio 2017 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us