Scienze

Il riscaldamento globale ci farà rimpicciolire?

Su un antico mammifero l'aumento delle temperature sortiva un effetto "restringente". Potrebbe accadere anche a noi?

Gli effetti del riscaldamento globale potrebbero riguardarci molto più da vicino di quanto già non sappiamo. Esiste infatti una correlazione tra temperatura esterna e taglia nei mammiferi: lo dimostra uno studio compiuto tracciando la storia evolutiva dei primi cavalli apparsi sulla Terra 56 milioni di anni fa.

La presenza di esemplari del genere Sifrhippus, primi antenati noti dei cavalli, è documentata da fossili rinvenuti in Nord America appartenenti al periodo del Massimo termico del Paleocene-Eocene, un evento climatico durato 175 mila anni in cui l'aumento di anidride carbonica nell'atmosfera e negli oceani causò un innalzamento delle temperature globali di alcuni gradi. Analizzando le i fossili di Sifrhippus, alcuni ricercatori statunitensi hanno realizzato che l'animale cambiò più volte taglia in relazione alla temperatura: quando il termometro saliva, il mammifero si rimpiccioliva.

In particolare i ricercatori hanno osservato che gli Sifrhippus, con l'aumento delle temperature, si rimpicciolirono del 30% nell'arco di 130 mila anni, andando dai 5 chili e mezzo di peso circa ai 3,8: più o meno la taglia di un gatto domestico. Nei 45 mila anni successivi ricominciarono a crescere, raggiungendo i 6,8 chili. Lo studio è stato compiuto da ricercatori di 8 diversi istituti coordinati dalle università di Florida e Nebraska, e pubblicato su Science.

Per circa tre quarti dei mammiferi vale la cosiddetta regola di Bergmann (la massa corporea è inversamente proporzionale alla temperatura: pensate ai mammut lanosi). «Stiamo osservando che circa un terzo dei mammiferi stanno diventando più piccoli» commentano gli autori dello studio «ma i cambiamenti climatici tra Paleocene ed Eocene avvennero molto più lentamente rispetto a oggi, quindi i mammiferi ebbero più tempo per adattare la loro taglia alle temperature esterne. Non è chiaro se vedremo la stessa cosa accadere anche in futuro, ma è possibile».

Gli scienziati hanno preso in considerazione altri fattori legati ai cambiamenti climatici in grado di influire sulle dimensioni corporee, come aridità del suolo, aumento della CO2, abbondanza di cibo o necessità di conservare il calore interno, ma, almeno nel caso degli Sifrhippus, principale responsabile del cambiamento di misura sembrerebbe essere stata direttamente l'oscillazione di temperatura.

Dovremo abituarci all'idea di abbassarci di qualche centimetro? Forse. Nel frattempo, potremmo provare a rimandare l'evento lavorando sulle cause del riscaldamento globale.

1 marzo 2012 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La morte atroce (e misteriosa) di Montezuma, la furia predatrice dei conquistadores, lo splendore della civiltà azteca perduta per sempre: un tuffo nell'America del sedicesimo secolo, per rivivere le tappe della conquista spagnola e le sue tragiche conseguenze. 

ABBONATI A 29,90€

Il ghiaccio conserva la storia del Pianeta: ecco come emergono tutti i segreti nascosti da milioni di anni. Inoltre: le aziende agricole verticali che risparmiano terra e acqua; i tecno spazzini del web che filtrano miliardi di contenuti; come sarà il deposito nazionale che conterrà le nostre scorie radioattive; a che cosa ci serve davvero la mimica facciale.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa sono i pianeti puffy? Pianeti gassosi di dimensioni molto grandi ma di densità molto bassa. La masturbazione è sempre stata un tabù? No, basta rileggere la storia della sessualità. E ancora: perché al formaggio non si può essere indifferenti? A quali letture si dedicano uomini e donne quando sono... in bagno?

ABBONATI A 29,90€
Follow us