Scienze

Il primo cervello ibrido e "distribuito"

Un team di ricercatori ha messo un cervello ibrido, ossia una rete neuronale formata da elementi biologici e artificiali, in grado di comunicare via Internet.

Due neuroni artificiali sono riusciti a comunicare via Internet con un neurone biologico e questo è avvenuto anche per merito della ricerca italiana. Un team internazionale di scienziati, coordinati da Stefano Vassanelli del Dipartimento di Scienze Biomediche dell'Università di Padova, è infatti riuscito a creare un "cervello ibrido", una rete di neuroni artificiali e biologici collegati in rete tra loro attraverso memristori, speciali connettori ispirati alle sinapsi.

 

Obiettivo finale dello studio è quello di mettere a punto reti neuronali miste che possano essere utilizzate come protesi per sostituire o affiancare quelle di pazienti affetti da danni cerebrali di varia natura.

 

Cervello quasi artificiale. «In un modello in vitro, abbiamo dimostrato come neuroni artificiali su chip e neuroni cerebrali possono essere connessi tramite memristori che emulano una proprietà fondamentale delle sinapsi: la plasticità. Abbiamo creato per la prima volta», dice Stefano Vassanelli, «una rete ibrida elementare dove tre neuroni, uno biologico e due artificiali, sono stati collegati in una rete tramite connessioni memristive ispirate alle sinapsi».

 

Altro aspetto interessante è che i tre neuroni oggetto dello studio, due su microchip e uno di topo in vitro, sono stati messi in comunicazione via Internet. Il neurone biologico si trovava infatti a Padova, quelli artificiali a Zurigo, e i memristori a Southampton. 

 

L'obiettivo finale. Di fatto, quello che è stato realizzato è una sorta di "cervello distribuito", che, spiega Vassanelli, «rappresenta un'innovativa modalità di collaborazione e di sperimentazione tra gruppi europei, di discipline molto diverse come le neuroscienze, le scienze computazionali e la micro e nanoelettronica»

 

Obiettivo finale degli scienziati è far sì che questa ricerca possa  trovare in futuro un'applicazione concreta nel trattamento di patologie neurologiche come il Parkinson, l'ictus, o le lesioni spinali.

19 marzo 2020 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us