Scienze

Il primo aereo stampato in 3D prende il volo

Le parti del mini aereo sono unite come il lego.

La stampa 3D è una tecnologia ancora per pochi fortunati come i ricercatori dell’Università di Southampton che l’hanno sfruttata per realizzare un aereo telecomandato che ha superato brillantemente il suo primo decollo.

“Le parti del mini aereo sono state stampate e poi unite come il lego”

Decollo perfetto - Le stampanti 3D è ancora una rarità ma prima o poi i prezzi saranno alla portata di molti. Una stampante 3D permette - partendo da un progetto Cad - di costruire oggetti in tre dimensioni procedendo strato dopo strato di resina sintetica che si indurisce quando viene colpita da fasci di luce intensa. È il procedimento usato anche per realizzare “Sulsa” (Southampton University Laser Sintered Aircraf), il primo aeroplano stampato a spiccare il volo.

Assemblaggio stile Lego - Sulsa, realizzato da un team di ingegneri dell’Università di Southampton, in Gran Bretagna, ha un’apertura alare di 2 metri e arriva a percorrere 160 chilometri orari. È stato assemblato partendo da singole parti stampate e poi unite insieme “ a scatto”, quindi senza usare collanti o viti, un po’ come le costruzioni realizzate con il Lego. Alimentato da energia elettrica, Sulsa non è solo una novità dal punto di vista della ricerca tecnologica e informatica, ma rappresenta anche importante passo verso il risparmio. Basta infatti qualche aggiustamento al progetto CAD con qualche clic del mouse per migliorare il progetto e la relativa produzione.

Silvia Ponzio

Guarda il video

9 agosto 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us