Scienze

Il più grande pinguino mai esistito pesava come un gorilla

Scoperto in Nuova Zelanda il fossile di un pinguino di 150 kg, che 57 milioni di anni fa si immergeva e pescava nei mari come un predatore apicale.

La costa della regione di Otago in Nuova Zelanda è famosa per la presenza di rocce sferiche - i massi di Moeraki - che a molti ricordano le uova di drago di certi film fantasy. In alcune di queste rocce spaccate dall'impeto delle maree furono individuate, nel 2017, le ossa fossili di uccelli marini. Ora uno studio più dettagliato sui reperti rivela che appartenevano a due diversi pinguini vissuti 57 milioni di anni fa, uno dei quali, con i suoi 150 kg di peso, è senza ombra di dubbio il più grande pinguino mai scoperto.

Occhio a quei due. Le dimensioni di questo colosso sono state stimate a partire dall'omero fossile del pinguino, che misura 24 cm: quasi il doppio di quello del pinguino imperatore (Aptenodytes forsteri), il più grande pinguino vivente. L'uccello, descritto in un articolo sul Journal of Paleontology, pesava come un gorilla maschio adulto e forse non superava il metro e mezzo d'altezza - era insomma piuttosto tarchiato e incapace di volare come i suoi discendenti. Le ossa trovate in altrettanti massi spaccati hanno permesso di ricostruire l'aspetto di un altro grosso pinguino di circa 50 kg - e quindi più in carne del pinguino imperatore che non supera i 40 kg.

Queste pietre scolpite dalle onde, che hanno custodito nel tempo i fossili di uccelli marini, sembrano le uova di pinguini giganti. © Shutterstock

Campo libero! Gli autori dello studio coordinato da Daniel Ksepka, paleontologo del Bruce Museum in Greenwich nel Connecticut, hanno ribattezzato le due nuove specie Kumimanu (dalle parole maori per "mostro" e "uccello") fordycei e Petradyptes ("tuffatore di roccia") stonehousei. I pennuti ebbero la fortuna di abitare gli oceani meridionali in un momento storico particolare, quando i mari erano liberi dai grossi rettili preistorici, cancellati dall'impatto dell'asteroide di Chicxulub, mentre gli antenati di foche e balene non avevano ancora abbandonato la terraferma. Con quella stazza e così poca competizione, questi pinguini erano liberi di cacciare indisturbati.

Una cosa alla volta. A dispetto delle dimensioni, Kumimanu e Petradyptes conservavano le pinne corte e primitive dei loro più piccoli antenati volanti: si ipotizza che siano diventati giganti prima ancora di perfezionare alcune caratteristiche necessarie per nuotare, come le ali capaci di pagaiare tipiche dei pinguini moderni. Il notevole peso permetteva immersioni più lunghe e profonde e li aiutava a non disperdere calore corporeo: un fisico più specializzato alla vita subacquea sarebbe arrivato in seguito.

L'unione fa la forza. Un altro fatto curioso è che, già in un'epoca così antica e non molto distante da quando i loro antenati volavano, questi pinguini vivessero in colonie: lo si intuisce dalla scoperta di ossa di specie diverse su una stessa spiaggia.

Un'altra deduzione è che nonostante la scarsità di predatori e rivali, probabilmente il Kumimanu era vicino alle dimensioni limite raggiungibili per questi animali: pinguini più pesanti avrebbero facilmente spappolato le uova durante la covata.

19 febbraio 2023 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us