Scienze

Il Pannello solare che si pulisce da solo

Massima efficienza e bassa manutenzione.

L'efficienza di un impianto fotovoltaico dipende dall'assenza di polvere e sporcizia sulla sua superficie. Tenerli puliti costa ma, grazie a una tecnologia “marziana”, i pannelli solari del futuro saranno auto-pulenti.

“La polvere viene spazzata via grazie a un passaggio di corrente elettrica”

Impresa di pulizia - È vero che i pannelli solari vengono installati un po' in tutte le latitudini del globo, ma i migliori risultati si ottengono in luoghi molto soleggiati e con scarse precipitazioni atmosferiche. Due componenti spesso associate a un mare di polvere. Il problema è che gli impianti fotovoltaici devono tassativamente rimanere puliti perché basta un settimo di oncia (28,35 grammi) di polvere per iarda quadrata (circa 26 metri quadrati) per diminuire la produzione di energia del 40 per cento.

Una spolverata e via - Quindi per tenere gli impianti fotovoltaici si spreca molta acqua preziosa. Gli scienziati dell'Università di Boston, però, hanno sviluppato un tipo di pannello solare - pensato in origine per i mezzi della Nasa in missione su Marte - in grado di “spolverarsi” da solo. Sulla superficie dei pannelli viene infatti applicato un materiale trasparente sensibile all'elettricità che, quando la polvere si deposita e raggiunge un determinato spessore, attiva un passaggio di corrente che crea un'onda in grado di sollevare e “spazzare” la sporcizia ai lati. Così i pannelli solari possono tornare tranquilli a godersi i raggi del sole.

Ecco le super bici del futuro

28 agosto 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us