Scienze

Il motore di ricerca diventa più umano

Blekko: qui gli utenti filtrano i risultati!

Un nuovo motore di ricerca si propone come il trovatore che è in grado di ricercare in dettaglio ogni informazione sul web. I risultati? Sono testati da persone, non da algoritmi.

“Un nuovo sito rilancia una storica idea: un motore di ricerca i cui risultati sono controllati dagli utenti”

Motore fai da te - Il suo nome è Blekko e si propone di diventare il primo motore di ricerca creato dagli utenti, da vere persone e non da porzioni di codice e calcoli di un computer. In pratica intende taggare ogni pagina del Web e indicizzarla sul motore attraverso i propri utenti: un po’ come avviene in Wikipedia, gli utenti possono aggiornare il motore di ricerca e cambiare i risultati forniti e, se una voce non esiste, possono crearla.

Cancelliamo l’inutile - Il motore di ricerca online è disponibile da lunedì scorso in versione beta testing, ma vuole competere con il grande Google e, stando a ciò che afferma, la sua forza è la mancanza di spam e risultati inutili: è disegnato per riconoscere e non segnalare i siti i cui proprietari hanno utilizzato trucchetti per apparire nei primi risultati, anche se non hanno nulla di inerente al contenuto web che è stato ricercato.

Qualità nelle ricerche - Blekko si aspetta che le scelte degli utenti siano sensati e il progetto wiki collaborativo potrebbe infatti garantire una certa qualità nei risultati proposti: più gente utilizzerà tags utili e più persone cancelleranno quelle irrelevanti nell’organizzazone delle sue pagine Web, maggiore sarà la qualità offerta. C’è da dire che se le premssee per un motore di ricerca umano, il lungo procedimento di contributo e controllo richiede diverso tempo e la mole di informazioni presenti sul Web non ha certo dei numeri irrisori: al momento Blekko ha incizzato 3 miliardi di pagine, mentre Google più di mille volte tanto.

I segreti di Chatroulette. Guarda la gallery!

2 novembre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us