Scienze

Il “motion control” per Xbox 360 si chiama Kinect

Project Natal diventa Kinect con 4 giochi.

L’E3 non ha ancora aperto i battenti che Microsoft sgancia la prima bomba “cinetica”. Project Natal diventa Kinetic e arriverà in autunno con quattro giochi al seguito.

“Kinect per Xbox 360 riconosce i tuoi movimenti in 3D”

Vai col movimento – L’E3, l’annuale fiera di videogiochi annuale di Los Angeles (15-17 giugno), non è ancora iniziata che Microsoft già lancia la prima bordata: il “Project Natal” si chiamerà Kinect. Chi si fosse perso le puntate precedenti, Project Natal è la periferica di “motion control” per Xbox 360 annunciata esattamente un anno fa che prometteva di rivoluzionare l’esperienza ludica dei giocatori della console di Microsoft, ma non solo. Kinect riunisce in un solo dispositivo una telecamera, un sensore di profondità, un microfono a matrice multipla e un processore studiato ad hoc per giocare senza usare controller. In pratica Kinect rileva tutti i movimenti del corpo in 3D e risponde a comandi, indicazioni e persino alle sfumature emotive della voce. Non solo per giocare, ma anche per fare video chat.

Giochi citeici – Ancora nessuna indiscrezione sul prezzo, ma Microsoft ha però svelato i nomi dei primi titoli disponibili. Si parte con Kinect Adventures, un gioco di rafting estremo e corse a ostacoli (fino a 4 giocatori) per poi lanciarsi su Kinect Sports, un pacchetto che comprende ben 6 sport (boxe, bowling, beach volley, ping pong, calcio e atletica). Per chi ama ballare c’è Dance Central, mentre chi invece pensa di avere la stoffa del domatore può provare ad accudire una ventina di felini tra cui tigri e leoni in Kinectimals.

In forma con il fitness Samurai. Guarda la gallery...

14 giugno 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us