Scienze

C'è un mistero nella trappola per mammut di 15.000 anni fa

Il cimitero dei mammut era in realtà una trappola costruita apposta, 15.000 anni fa, e nasconde un mistero che difficilmente si riuscirà a sciogliere.

Il più grande "cimitero di mammut" mai scoperto è in realtà una trappola, creata ad hoc per catturare e uccidere questi animali: il sito è stato identificato in Messico da ricercatori dell'Instituto Nacional de Antropología e Historia, che riportano di aver finora rinvenuto 824 ossa appartenenti ad almeno 14 mammut. I reperti erano tutti all'interno di una fossa profonda poco meno di due metri e larga 25 metri, interpretata dagli antropologi messicani come una trappola predisposta dagli abitanti di quella regione 15.000 anni fa.

Scene di caccia. Le ricostruzioni suggeriscono che quei cacciatori utilizzassero delle torce per spaventare i mammut e spingerli verso la buca, anche con l'ausilio di armi varie, come dimostrano i segni di una lancia su alcuni reperti.

Luis Cordova Barradas, responsabile degli scavi condotti a Tultepec (a nord di Città del Messico), ritiene che la trappola per mammut segnerebbe uno spartiacque tra il periodo durante il quale gli uomini vivevano solo e soltanto di caccia con quello che vedeva uomini e donne anche raccogliere quel che la natura offriva. «Prima di questa scoperta», spiega Barradas, «c'erano poche prove che i cacciatori attaccassero i mammut: si pensava piuttosto che spaventassero gli animali per spingerli verso aree paludose, dove rimanevano bloccati e morivano di stenti. Il sito di Tultepec è invece la prova di attacchi diretti e consapevoli, con precisi utilizzi per ciò che cacciavano.» Si tratta adesso di verificare quanto potessero essere comuni, nella regione, trappole di quel tipo.

La scapola scomparsa. Il cimitero dei mammut è stato trovato alcuni mesi fa, quando si stava scavando per creare una discarica, ed è stato esplorato a fondo. Anche perché lo studio ha pian piano messo in evidenza un vero e proprio mistero: sono state trovate solo scapole destre di mammut. Mancano tutte le scapole sinistre! Che fine hanno fatto? Che cosa se ne facevano quei cacciatori proprio della scapola sinistra?

I misteri del cimitero dei mammut
Una scapola destra... mancano tutte le scapole sinistre! © INAH, Instituto Nacional de Antropología e Historia

Al momento è impossibile rispondere, e forse non si potrà mai - così come potrebbe essere difficile spiegare altri reperti ossei rinvenuti nel mucchio, come la mascella e la spina dorsale di un cammello.

13 novembre 2019 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Chi erano i gladiatori? Davvero lottavano sempre all’ultimo sangue? Con quali armi e tecniche combattevano? Perché gli imperatori investivano una fortuna sui loro spettacoli di morte? Entriamo negli anfiteatri della Roma imperiale per conoscere da vicino gli atleti più famosi dell’antichità. E ancora: come la moda del Novecento ha ridato la libertà alle donne; alla scoperta di Monte Verità, la colonia sul lago Maggiore paradiso di vegani e nudisti; i conflitti scoppiati per i motivi più stupidi; la guerra al vaccino antivaiolo dei primi no vax; le Repubbliche Sorelle.

ABBONATI A 29,90€
Focus e il WWF festeggiano insieme il compleanno: Focus è in edicola da 30 anni e il WWF si batte da 60 per la difesa della natura e degli ecosistemi. Insieme al WWF, Focus è andato nelle riserve naturali e nei luoghi selvatici del mondo per scoprire come lavorano i loro ricercatori e volontari per aiutare la Terra e i suoi abitanti. Inoltre: perché i cicloni sono sempre più violenti; perché la miopia sta diventando un'emergenza globale; come sarebbero gli alieni (se esistessero).
ABBONATI A 29,90€
Follow us