Scienze

Il jetski robot contro le incursioni dei pirati

Pattuglia i porti contro gli attentati.

Un drone marino contro i terroristi: è l'ultima novità della marina militare americana, un robot che è un jet-ski, vede sott'acqua e controlla che nessuno si avvicini alle navi militari.

“E' proprio nei porti che le navi militari USA sono più vulnerabili agli attentati”

Niente attacchi nei porti - Si chiama "Blackfish" ed è un progetto militare in fase di test nei laboratori dell'Office of Naval Research. Il drone acquatico è stato sviluppato da Qinetiq, che è un noto contractor e partner tecnologico della difesa britannica. L'obiettivo è di creare una difesa attiva e natante per le navi dei militari americani nei porti stranieri, dopo l'attacco suicida di undici anni fa nel porto yemenita di Aden, che causò 17 morti sulla nave USS Cole.

Piccoli grandi nemici - Infatti, a dispetto della potenza di fuoco e della capacità di partecipare ad una guerra in sicurezza, da una posizione al largo, è proprio nei porti che le navi militari degli USA sono più vulnerabili. Come ha dimostratato l'attacco del 2000, le grandi navi da guerra possono essere coplite da piccole imbarcazioni o anche da nuotatori, mentre sono ferme in rada.

Pieno di sensori - Il Blackfish è stato sviluppato dagli ingegneri per risolvere questo problema: in pratica è un acquascooter senza pilota dotato di sensori sonar sottomarini, radar di superficie e videocamere per vedere anche sott'acqua se si stanno avvicinando dei possibili soggetti pericolosi. Il robot può essere programmato per il pattugliamento: il percorso viene impostato tramite i waypoint sul suo GPS. La scelta del jet-ski è dovuta alla particolare velocità di superficie di questi natanti leggeri e, grazie alla propulsione a idrogetto e non ad elica, il robot può anche avvicinarsi agli eventuali innocenti bagnanti, senza causare danni. (gt)

Niccolò Fantini

21 luglio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us