Il cuore della Terra è caldo come la superficie del Sole

[caption id="attachment_2923" align="alignleft" width="300" caption="Nel cuore del pianeta la temperatura è di circa 6.000°C"][/caption] Che nel cuore...

Nel cuore del pianeta la temperatura è di circa 6.000°C

Che nel cuore della Terra la temperatura sia elevata lo ipotizzava anche Giulio Verne nel suo libro “Viaggio al centro della Terra”. Ma i geologi hanno da tempo tentato di determinare qual è la vera temperatura che esiste a circa 6.300 km sotto i nostri piedi, là dove si arriva nel centro del pianeta. Ebbene fino a ieri si ipotizzava che la temperatura massima esistente laggiù negli “inferi” non superasse i 5.000°C. Un nuovo studio invece, porta questa temperatura a 6.000°C, un temperatura che si avvicina a quella esistente sulla “superficie del Sole”, che è di circa 6.500°C. Lo studio è stato realizzato sottoponendo campioni di ferro, che è l’elemento che costituisce al 95% il nucleo del pianeta a pressioni simili a quelle esistenti nel centro del pianeta, grazie a punte di diamente. A quel punto il campione è stato osservato con l’European Synchroton Radiation Facility, una delle più potenti sorgenti al mondo di raggi X per verificare la struttura del ferro il quale è stato via via scaldato da un potentissimo laser (Scopri come funziona questo laboratorio).

L'European Synchroton Radiation Facility che ha permesso di studiare la struttura del ferro a pressioni e temperature altissime

Un nocciolo "duro" Per ottenere la fusione del ferro così come si ha nel nucleo esterno (lo sappiamo grazie al passaggio delle onde sismiche dei più potenti terremoti) è necessario ottenere una temperatura di circa 6.000°C. Il fatto che esattamente nel cuore del pianeta il ferro sia di nuovo solido (lo si sa sempre grazie allo studio delle onde sismiche) è dovuto al fatto che le pressioni aumentano al punto che la temperatura non riesce a fondere il materiale. “Il risultato è di grande interesse – ha spiegato Agnes Dewaele del CEA, un centro di ricerca francese e autore dello studio – non solo per avere questa informazione fino ad oggi non molto chiara, ma anche per permettere ai geofisici di confrontarsi con i nuovi dati e verificare tutte le ipotesi formulate sulla struttura dell’interno del pianeta”. Ti potrebbero interessare Come cambia la gravità verso il centro della Terra?
27 Aprile 2013 | Luigi Bignami