Scienze

Il corpo dei nomadi del mare si è geneticamente adattato alle immersioni

Una popolazione del Sudest asiatico sembra predisposta a immergersi a lungo e in profondità per pescare, senza aiuti tecnologici. Uno studio rivela gli adattamenti fisici e genetici dietro questa abilità, favorita dalla selezione naturale.

L'etnia Bajau, una popolazione del Sudest asiatico che da secoli vive delle risorse di un tratto di oceano compreso tra Filippine, Malesia e Indonesia, è nota per la capacità di immergersi a decine di metri di profondità senza i convenzionali ausili da sub, con una sola boccata di fiato, rudimentali pesi e occhialini di legno. Ma se questa abilità funzionale alla pesca è conosciuta da tempo, meno chiaro era se fosse il risultato di esercizio ed esperienza, o di precisi adattamenti genetici.

Uno studio pubblicato su Cell fa propendere per questa seconda ipotesi: nel tempo, la selezione naturale ha favorito in questa popolazione la diffusione di certe varianti genetiche connesse a specifiche modificazioni dell'organismo, che sembrano funzionali alle capacità di immersione.

Nel mondo animale. Melissa Ilardo, dell'Università di Copenhagen, ha notato che alcune foche che resistono a lungo sott'acqua hanno una milza particolarmente grande: tra le varie funzioni dell'organo c'è anche quella di conservare globuli rossi, deputati al trasporto di ossigeno. Un riflesso spontaneo durante le immersioni fa sì che questo organo si contragga, rilasciando la riserva di eritrociti ossigenati al momento più opportuno.

Segreto svelato. Così la scienziata ha sottoposto a ecografie addominali 43 persone di etnia Bajau e 33 di una popolazione vicina senza le stesse abilità. Nei Bajau, la milza era più grossa del 50%, indipendentemente dall'età, dal genere e dalla capacità di immergersi.

Test genetici hanno rivelato la presenza, nel DNA di questo popolo, di geni connessi alla capacità di adattarsi a situazioni di carenza di ossigeno, tra i quali quello legato a una milza più grande e uno che favorisce il restringimento dei vasi sanguigni periferici nelle situazioni di scarsa ossigenazione. Così quando si va sott'acqua, il sangue ossigenato tende a fluire dove più serve, verso cervello, cuore e polmoni.

in trasformazione. Questi cambiamenti, come quelli che permettono alle popolazioni tibetane di sopravvivere ad alta quota, sono l'effetto di adattamenti favoriti dalla selezione naturale, un'ulteriore prova del fatto che l'essere umano è in continua evoluzione.

21 aprile 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us