Scienze

Il colore dei rettili marini preistorici

Tracce di melanina trovate nei resti fossili rivelano che i grandi rettili preistorici erano di colore scuro, per mimetizzarsi e sopravvivere meglio al freddo.

I grandi rettili che popolavano i mari decine di milioni di anni fa erano di colore scuro, e questo permetteva loro di mimetizzarsi bene durante le immersioni nel profondo blu, e di proteggersi dai raggi ultravioletti e accumulare più facilmente calore quando invece tornavano in superficie per respirare. A queste conclusioni è giunto - su Nature - un gruppo di studiosi svedesi, danesi, inglesi e americani, che ha trovato nei resti fossili di tre esemplari preistorici cellule contenenti melanina, lo stesso pigmento che dà il colore alla pelle e ai capelli dell'uomo. Scambiate inizialmente per batteri, queste cellule hanno invece rivelato la loro vera natura quando i ricercatori le hanno analizzate al microscopio elettronico.

Per tutti i climi
I fossili studiati sono quelli di un mosasauro vissuto 85 milioni di anni fa, di un ittiosauro di 196 milioni di anni, e di una tartaruga liuto di 55 milioni di anni. Mentre quest'ultima sopravvive ancora oggi nei mari di molti continenti, preferendo però i climi temperati, i primi due si sono estinti alla fine del periodo Cretaceo assieme ai dinosauri. «La tartaruga preistorica aveva probabilmente una colorazione e uno stile di vita molto simili a quelli della specie odierna» ha detto Johan Lindgren, ricercatore dell'Università di Lund (Svezia), che ha diretto lo studio; «anche i mosasauri e gli ittiosauri erano diffusi in tutto il mondo, e il colore scuro permetteva loro di adattarsi meglio ai climi freddi e di riscaldarsi rapidamente al sole fra un'immersione e l'altra».

Giganti del mare
I mosasauri somigliavano a un enorme lucertolone, erano carnivoro e potevano raggiungere i 15 metri di lunghezza. Anche gli ittiosauro erano predatori, avevano un aspetto simile a quello dei moderni delfini (ma senza alcuna parentela con essi) ed era lungo 2-4 metri, ma alcune specie potevano avere dimensioni molto maggiori.

9 gennaio 2014 Margherita Fronte
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us