Scienze

Il colore dei rettili marini preistorici

Tracce di melanina trovate nei resti fossili rivelano che i grandi rettili preistorici erano di colore scuro, per mimetizzarsi e sopravvivere meglio al freddo.

I grandi rettili che popolavano i mari decine di milioni di anni fa erano di colore scuro, e questo permetteva loro di mimetizzarsi bene durante le immersioni nel profondo blu, e di proteggersi dai raggi ultravioletti e accumulare più facilmente calore quando invece tornavano in superficie per respirare. A queste conclusioni è giunto - su Nature - un gruppo di studiosi svedesi, danesi, inglesi e americani, che ha trovato nei resti fossili di tre esemplari preistorici cellule contenenti melanina, lo stesso pigmento che dà il colore alla pelle e ai capelli dell'uomo. Scambiate inizialmente per batteri, queste cellule hanno invece rivelato la loro vera natura quando i ricercatori le hanno analizzate al microscopio elettronico.

Per tutti i climi
I fossili studiati sono quelli di un mosasauro vissuto 85 milioni di anni fa, di un ittiosauro di 196 milioni di anni, e di una tartaruga liuto di 55 milioni di anni. Mentre quest'ultima sopravvive ancora oggi nei mari di molti continenti, preferendo però i climi temperati, i primi due si sono estinti alla fine del periodo Cretaceo assieme ai dinosauri. «La tartaruga preistorica aveva probabilmente una colorazione e uno stile di vita molto simili a quelli della specie odierna» ha detto Johan Lindgren, ricercatore dell'Università di Lund (Svezia), che ha diretto lo studio; «anche i mosasauri e gli ittiosauri erano diffusi in tutto il mondo, e il colore scuro permetteva loro di adattarsi meglio ai climi freddi e di riscaldarsi rapidamente al sole fra un'immersione e l'altra».

Giganti del mare
I mosasauri somigliavano a un enorme lucertolone, erano carnivoro e potevano raggiungere i 15 metri di lunghezza. Anche gli ittiosauro erano predatori, avevano un aspetto simile a quello dei moderni delfini (ma senza alcuna parentela con essi) ed era lungo 2-4 metri, ma alcune specie potevano avere dimensioni molto maggiori.

9 gennaio 2014 Margherita Fronte
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us