Scienze

Il cerotto ispirato alle ventose del polpo

Si attacca con una leggera pressione, e non te ne liberi più: non servono adesivi, il segreto è nelle fossette che imitano la pelle dei tentacoli del mollusco.

Un gruppo di ricercatori sudcoreani ha ideato un nuovo tipo di cerotto che funziona anche in acqua e che si può staccare e riattaccare centinaia di volte. Il segreto è nella totale mancanza di adesivi: il dispositivo descritto su Nature imita, infatti, le ventose dei polpi.

Non ti mollo. Ispirandosi al modo in cui i cefalopodi afferrano le prede, gli scienziati dell'università di Sungkyunkwan hanno realizzato sottili superfici polimeriche - in sostanza, fogli di plastica - con una serie di fossette contenenti, al centro, soffici sfere. Studiando le strutture al microscopio, si sono accorti che le fossette che garantivano una presa migliore erano quelle di 50 micrometri di diametro, come le ventose dei polpi.

Colla addio. A queste condizioni, tra la sfera centrale e i bordi esterni della fossetta si crea uno spazio che di norma è riempito d'acqua; quando però viene applicata una pressione, quest'area si svuota creando una sorta di camera sottovuoto. I cerotti realizzati in questo modo si sono attaccati e staccati fino a mille volte di seguito senza bisogno di sostituzioni o sostanze adesive, su una varietà di superfici piane e curve (inclusa la pelle) e, naturalmente, anche sul bagnato.

Come lo tolgo? Prima che il dispositivo venga adottato in ambito medico o industriale, tuttavia, occorrerà trovare un modo sicuro di rilasciare la pressione che si crea nell'area sottovuoto. Magari osservando prima come fanno i polpi.

19 giugno 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us