Scienze

Il bosone suona il rock

Un fisico del CERN ha tradotto in una canzone metal i dati relativi al bosone di Higgs, mostrati il giorno dell'annuncio della sua scoperta.

Per scoprire come passano il tempo libero gli scienziati del CERN, basta guardare il filmato qui sopra – che non è il videoclip musicale di una band heavy metal, ma il divertente esperimento di Piotr Traczyk, fisico in forze al centro di ricerca da dieci anni e appassionato di chitarra da oltre venti.

Dalla fisica alla musica. Unendo le sue due passioni, Traczyk ha fatto suonare il rock nientemeno che alla "particella di Dio". Partendo dai dati presentati durante il fatidico seminario del 4 luglio 2012, quando fu annunciata la scoperta del bosone, ha convertito due grafici (nello specifico quello del canale in quattro leptoni e quello del canale gamma-gamma) in due sequenze di note, rapportandole su una scala cromatica (ossia composta da dodici semitoni). Riprodotte alla velocità giusta, suonavano nelle sue orecchie come i riff di una canzone metal.

Detto, fatto: Traczyk ha composto la partitura della canzone del bosone, arrangiando le due parti di chitarra in modo da renderle un pezzo coerente e inserendo basso e batteria. D'altra parte, come dice nel suo blog dove spiega nel dettaglio la procedura che ha utilizzato: «È pur sempre una canzone metal, in fin dei conti!»

Il videoclip. Composta la musica, non restava quindi che eseguirla e registrare il video. La scelta dell'ambientazione è caduta, come ovvia chiusura del cerchio, sull'auditorium del CERN dove fu annunciata la scoperta. Accompagnato da un amico, Traczyk (sulla destra nel video) si esibisce suonando la chitarra che lui stesso ha costruito ispirandosi per la decorazione al CMS (Compact Muon Solenoid), uno dei quattro rilevatori principali posti lungo l'acceleratore di particelle più famoso del mondo.

16 aprile 2015 filippo ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us