La storia del sapere in stile minimal

Una serie di nomi (di grandi scienziati) con all'interno, ciascuno, un simbolo (l'icona della relativa teoria o invenzione): è il modo ultraessenziale con cui un  designer indiano ha pensato di ripercorrere le grandi conquiste della storia della scienza.

Pitagora (qui il nome scritto in greco) era matematico, filosofo, astronomo e politico. Ma la maggior parte di noi lo ricorda soltanto per l'omonimo teorema sui triangoli rettangoli.

Copernico cambiò punto di vista e scoprì che la Terra gira intorno al Sole. Chi è irremovibile nelle sue convinzioni, invece, non scoprirà mai un bel niente. Ecco cosa insegna Copernico, altro che astronomia!

Se oggi possiamo accendere una lampadina, lo dobbiamo al suo inventore, Thomas Edison.

Piccolo test per capire se avete colto le teorie di Darwin. L'uccello ha le ali per volare oppure vola perché ha le ali?

Si dice che Isaac Newton arrivò a una grandissima conclusione quando gli cadde una mela sulla testa. Che non era quella di non sedersi sotto i meli...

Galileo Galilei vedeva lungo. Talmente lungo che inventò il cannocchiale e pensò di usarlo per osservare la volta celeste. Meglio che spiare i vicini, no?

«Datemi una leva e vi solleverò il mondo!». Ammettetelo, anche voi almeno una volta a scuola avete immaginato il piccolo Archimede alle prese con un bastone di venti mila chilometri.

"Mamma, stai tranquilla, anche Einstein è stato bocciato" non è una scusa valida. A meno che non riusciate a scoprire una teoria rivoluzionaria come quella della relatività: E=mc2.

Nikola Tesla fu un grande inventore, purtroppo dimenticato dai più. La "T" in questa illustrazione ricorda la sua torre (o torre di Wardenclyffe), che secondo l'ingegnere serbo-americano avrebbe dovuto dare elettricità gratuita al maggior numero di persone possibile. Glielo impedirono. Pensateci quando pagherete la prossima bolletta.

Röntgen, Nobel per la fisica nel 1901, è conosciuto principalmente per la scoperta della radiazione elettromagnetica. Si inventò l'espressione "raggi x", per via della loro provenienza incognita, anziché intitolarli a sé stesso. Una bella lezione di umiltà.

Pitagora (qui il nome scritto in greco) era matematico, filosofo, astronomo e politico. Ma la maggior parte di noi lo ricorda soltanto per l'omonimo teorema sui triangoli rettangoli.