Scienze

Il 1905, l'anno d'oro di Albert Einstein

In 12 mesi, 4 scoperte che avrebbero rivoluzionato la fisica per sempre: l'annus mirabilis dello scienziato riassunto in un TED video da non perdere.

All'inizio del 1905, Albert Einstein era un fisico 26enne, dalle brillanti potenzialità ma praticamente sconosciuto, che lavorava sei giorni su sette all'ufficio brevetti svizzero di Berna e trascorreva il poco tempo libero in laboratorio o in discussioni scientifiche con gli amici.

In pochi avrebbero scommesso sul fatto che quello sarebbe divenuto l'anno di svolta non solo per la sua carriera, ma per la storia della fisica. In quei 12 mesi lo scienziato avrebbe pubblicato quattro articoli accademici rivoluzionari, ben illustrati in questo TED-Ed, la versione educational delle conferenze TED.


1. Fotoni. Nel primo lavoro, pubblicato a marzo, Einstein sosteneva che la luce, che fino ad allora si pensava diffondersi in onde, fosse costituita di un numero finito di quanti di energia (in seguito denominati fotoni) che si muovono nello Spazio. Einstein portava questa teoria per spiegare l'effetto fotoelettrico, il fenomeno per cui una superficie metallica, colpita da una radiazione elettromagnetica, emette elettroni. La sua ipotesi - che gli valse il Nobel per la Fisica nel 1921 - sarebbe divenuta, 20 anni dopo, una colonna portante del dualismo onda-particella della luce.

2. Atomi. A maggio fu la volta di un articolo sul moto browniano (il moto disordinato delle particelle presenti nei fluidi): Einstein partiva dall'osservazione di questo fenomeno per dimostrare che gli atomi esistono realmente, un punto su cui fino ad allora si era discusso molto.

3. Spaziotempo. Giugno fu il mese della Teoria della Relatività ristretta, in base alla quale la velocità dell'osservatore influenza anche la percezione del prima e del dopo, e quindi lo scorrere del tempo non è universale: la luce rimane costante, spazio e tempo divengono un'entità fluida relativa all'osservatore.

4. E=mc² La teoria sarebbe stata completata con il quarto articolo, pubblicato nel settembre 1905, che enunciava l'equazione più famosa di sempre, E=mc²: esiste una relazione fissa tra energia e massa; la prima equivale alla seconda moltiplicata per il quadrato della velocità della luce.

Ogni normale scienziato si accontenterebbe di raggiungere anche uno solo di questi risultati nell'intera carriera. Per Einstein, invece, era solo l'inizio.

26 novembre 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us