Scienze

Idrogeno giapponese a costo zero

Sarà il carburante del futuro?

I ricercatori del FUKAI Environmental Research Institute hanno annunciato di aver sviluppato una nuova tecnologia per ottebere idrogeno, che è la meno costosa al mondo.

“Il prossimo 25 ottobre i ricercatori giapponesi mostreranno i risultati a New York”

Il processo in breve – Gli scienziati nipponici hanno sviluppato un nuovo processo per ottenere l’idrogeno. Il procedimento prevede l’aggiunta di alluminio o magnesio a una speciale sostanza liquida in fase di bollitura, la sostanza sviluppata è denominata “acqua funzionale” e si ottiene filtrando della normale acqua corrente attraverso un’unità con dei minerali naturali. Le catene che uniscono idrogeno e ossigeno nell’acqua, che normalmente necessitano di energia per scindersi, vengono così divise nell’acqua funzionale.

Alta produttività – Il liquido è in grado di produrre 2 litri di idrogeno, sotto forma di gas, per grammo di alluminio o 3,3 litri per ogni grammo di magnesio utilizzato. I ricercatori del FUKAI Institute dichiarano che il costo di produzione di sufficiente idrogeno per generare 1kWh di elettricità è di circa 18 centesimi di dollaro americano. E il costo viene ancora abbassato nel caso venga utilizzato alluminio riciclato.

Carburante del futuro? – La tecnologia è ritenuta una delle più efficienti per le macchine a idrogeno del domani: “in futuro potremmo avere automobili che viaggiano solo aggiungendo acqua, senza benzina o elettricità” ha dichiarato il progettista del sistema Toshiharu Fukai. Il prossimo lunedì, 25 ottobre, tale tecnologia verrà mostrata al pubblico durante una conferenza a New York.

Peugeot EX1: l'auto elettrica. Guarda la gallery!

19 ottobre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us