Scienze

I soldati del futuro saranno telecomandati col GPS

Ecco come si combatterà la guerra del futuro.

I robot sono il futuro della guerra: droni, veicoli senza pilota e dispositivi tecnologici sono all’ordine del giorno nella ricerca bellica. Ma anche per la fanteria arriva una novità.

“Una tecnologia a vibrazione per indicare il giusto percorso alle pattuglie in azione”

Soldati telecomandati - Per i soldati del futuro gli scienziati americani dell’Army Research Office stanno mettendo a punto un nuovo dispositivo tecnologico: una cintura tattica che include un trasmettitore GPS e indica la direzione ai soldati, consentendo ai comandanti di guidarli sul campo come se fossero telecomandati. Infatti, durante le azioni, è ritenuto pericolo e scomodo cercare la propria posizione su un normale dispositivo GPS dotato di display.

Si segue la vibrazione – La speciale cintura GPS include dei motori vibranti che indicano, con una vibrazione da telefonino o da controller per i videogames, la giusta direzione ai soldati hi-tech: la cintura ha 8 di questi sensori, con intervalli di 45 gradi e, una volta indicato il waypoint dal comando, il soldato riceve l’input con una lieve pulsazione: andare più a destra, più a sinistra, ad ore 13 e via dicendo. Il centro comandi per i battaglioni dell’esercito USA dotati di questa nuova attrezzatura, come nel caso dei centri di controllo e volo dei droni, può anche essere posizionato a migliaia di chilometri di distanza.

Anche per gli ufficiali - Inoltre la cintura può essere collegata via wireless a un guanto che riconosce i gesti della mano e può comandare molteplici cinture contemporaneamente. Nelle zone di guerra, gli ufficiali in pattuglia possono dunque comandare un battaglione con il semplice gesto di una mano, inviando ordini come: “Alt”, “a terra”, “dietrofront”, alle cinture di tutti i soldati. (pp)

Niccolò Fantini

29 giugno 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us