Scienze

I sistemi di registrazione ai siti web si fanno furbi

I siti web ricorrono ai video anti-importuni.

Il termine Captcha forse non ti dirà molto, ma ti sarà sicuramente capitato di dover digitare caratteri alfa-numerici per registrarti o accedere a un sito. È un sistema di sicurezza escogitato per tenere alla larga gli spammer che adesso diventa una video animazione.

“NuCaptcha abbina la combinazione alfa-numerica a un'immagine pubblicitaria”

Vade retro spammer - Il Captcha è stato definito, non a torto, “la prima linea di difesa del Web” e il suo utilizzo da parte dei siti è raddoppiato negli ultimi due anni. I “bot”, ossia i robot assoldati dagli spammer per aggirare questo sistema di sicurezza, non ce la fanno ormai più a superare la prova, e spesso anche noi umani fatichiamo per azzeccare al primo colpo la combinazione di lettere e numeri visualizzata sulla piccola immagine. C'è anche chi, dietro a questo sistema di sicurezza, ha visto una nuova possibilità di business viste oche, tutto sommato, questa piccola immagine attira tutta la nostra attenzione per periodi più o meno lunghi che dipendono dalla nostra bravura o spesso solo dalla fortuna.

Più semplice da decifrare - Il sistema escogitato da NuCaptcha, in realtà, prende due piccioni con una fava. Il Captcha diventa un'animazione con una scritta che scorre in sovrimpressione su un messaggio pubblicitario. Noi facciamo meno fatica a capire cosa ci sia scritto, rispetto ai caratteri alfa-numerici dei Captcha tradizionale e le aziende ne approfittano per farsi pubblicità. L'idea è piaciuta talmente tanto che l'hanno già adottato inserzionisti del calibro di Disney e il produttore di videogiochi Activision.

scopri i padroni del web

30 ottobre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us