Scienze

I segreti del “latte” di soia

Grazie alle sue proprietà, questa bevanda ha aperto la strada a nuovi stili alimentari. E a una grande varietà di prodotti.

[Focus in collaborazione con Valsoia]

È ricco di proteine e di grassi insaturi, povero di grassi saturi e privo di colesterolo, oltre che di lattosio, che molti hanno difficoltà a digerire, e ha un potere nutrizionale leggermente inferiore al latte vaccino: è il “latte” di soia, alimento tipico dei Paesi orientali che, per tutte queste ragioni, è entrato ormai a far parte delle nostre abitudini alimentari. In Italia, infatti, è arrivato nel lontano 1991, prodotto e portato sugli scaffali dei nostri supermercati da Valsoia.

Da allora, tante cose sono cambiate e il “latte” di soia e le altre bevande vegetali non sono più scelti esclusivamente da chi ha problemi con i latticini o da chi pratica una dieta strettamente vegetariana, ma da chi in genere cerca un’alimentazione bilanciata.

Lo stesso vale per i prodotti che ne derivano, come gli “yogurt”, i dessert, o l’alternativa ai formaggi spalmabili, tutti nati per rispondere a una richiesta nutrizionale sempre più varia. Molti di essi sono stati creati da Valsoia, grazie a investimenti in ricerca e sviluppo e a nuovi brevetti: l’azienda bolognese ha nello sviluppo e nella promozione dell’alimentazione vegetale, buona e sana, la propria missione.

UNA LUNGA STORIA. Il “latte” di soia nasce in Cina molti secoli fa, dove la coltivazione di questo legume ha una tradizione di quasi tre millenni. Da lì si è prima diffuso nel resto dell’Oriente e poi è arrivato in Occidente. Il suo vero successo, però, ha origine una quarantina d’anni fa, con lo sviluppo di una cultura attenta all’alimentazione vegetale e anche grazie all’aggiunta di aromi che lo rendono più piacevole al palato. E, soprattutto, con la nascita di tecniche di produzione industriali che garantiscono un ambiente asettico: queste hanno permesso di produrlo in grandi quantità e di distribuirlo ovunque, mentre prima veniva fatto in casa o venduto in piccoli negozi e drogherie.

Che cosa si può ricavare dalla soia? La soia è un cibo molto duttile, da cui si possono numerosi tipi di alimenti. La bevanda comunemente detta “latte” si usa anche per cucinare, ma esistono pure alternative a panna e besciamella. Dal “latte”, lavorato, si ottengono dessert, alternative allo yogurt e al formaggio. I semi possono essere consumati, dopo averli cotti, come tutti i legumi. Grazie al suo apporto proteico, la soia è adatta anche a sostituire la carne. Infine, c’è l’olio: può essere usato come condimento, come tutti gli altri oli vegetali.

23 settembre 2016
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Scipione e Annibale, Mario e Silla, Demostene e Filippo II di Macedonia... I giganti della Storia che hanno passato la loro vita a combattersi, sui campi di battaglia e non solo. E ancora: l'omicidio di Ruggero Pascoli, il padre del famoso poeta, rimasto impunito; il giro del mondo di Magellano e di chi tornò per raccontarlo; la rivoluzione scientifica e sociale della pillola anticoncezionale; nelle prigioni italiane dell'Ottocento; come, e perché, l'Inghilterra iniziò a colonizzare l'Irlanda.

 

ABBONATI A 29,90€

Tigri, orsi, bisonti, leopardi delle nevi e non solo: il ricco ed esclusivo dossier di Focus, realizzato in collaborazione con il Wwf, racconta casi emblematici di animali da salvare. E ancora: come la plastica sta entrando anche nel nostro organismo; che cos’è l’entanglement quantistico; come sfruttare i giacimenti di rifiuti elettronici; i progetti più innovativi per poter catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera.

ABBONATI A 31,90€
Follow us