Scienze

I robot ti riconoscono dalla faccia

Il progetto Lirec sviluppa robot socialmente sensibili.

Nuovi metodi per studiare la percezione del volto, in mostra alla Summer Exhibition organizzata dalla Royal Society Science, potrebbero aiutare gli scienziati a sviluppare una generazione di robot e software in grado di interagire con gli umani ad armi (quasi) pari.

“L’obiettivo del progetto europeo LIREC e sviluppare robot socialmente sensibili”

Volti ed emozioni - Il nostro cervello elabora tantissimi piccoli indizi e micro espressioni sui volti per consentirci di rilevare stati d’animo e interagire con gli altri nel modo giusto. Gli scienziati dell’Università Queen Mary di Londra in collaborazione con UCL (University College London) stanno studiando delle tecniche avanzate per permettere ai robot di fare altrettanto. In occasione dell’annuale Summer Exhibition organizzata dalla Royal Society Science, i visitatori potranno vedere come il cervello interpreta i volti e vedere all’opera le ultime innovazioni nel settore del riconoscimento facciale da parte delle intelligenze artificiali.

Robot sensibili - Peter McOwan, professore presso la School of Electronic Engineering and Computer Science al Queen Mary dell’University of London, spiega gli obiettivi del progetto europeo LIREC che mira a creare robot socialmente consapevoli in grado di interagire con gli esseri umani nel modo più naturale possibile sfruttando le conoscenze nel settore della biologia. I robot, infatti, fanno sempre più parte della nostra vita quotidiana come, per esempio, negli ospedali. Se gli scienziati sono in grado di rilevare e codificare i movimenti facciali in azioni elementari e comprenderne il significato, sarà possibile fare in modo che i robot reagiscano sfruttando correttamente i canali di comunicazione degli umani, quindi sorridere a un sorriso o farsi da parte quando tira una brutta aria.

Silvia Ponzio

Guarda il video

6 luglio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us