Scienze

I robot ballano l'Hip-hop

Automi ballerini per farli muovere meglio.

I ricercatori dell'University of Technology di Sidney, in Australia, stanno creando i primi robot che sanno ballare. I motivi alla base sono pratici e scientifici.

“Il ballo è un 'insieme di movimenti tra i più complessi da imitare”

Dance revolution - Secondo gli studi della dottoressa Mary-Anne Williams e dei suoi colleghi universitari anche i robot dovrebbero essere abili ballerini: i ricercatori australiani stanno infatti costruendo e programmando un gruppo di automi che sappiano muoversi agilmente al ritmo della musica hip-hop.

Scopo scientifico - La creazione di robot in grado di ballare non è solo l'elucubrazione didattica di alcuni spiritosi scienziati: ha un fondamento scientifico. Nel prossimo futuro gli esseri umani saranno aiutati dai robot nelle faccende di casa e ciò rende necessario che questi ultimi possano fare movimenti complessi agilmente e in scioltezza. Senza inciampare negli oggetti ed evitando gli ostacoli.

Noi siamo unici - Cosa c'è di meglio del ballo per affinare le movenze dei robot? L'uomo è l'unico animale sul nostro pianeta che è in grado di muoversi volontariamente a tempo di musica. E per ballare utilizza spesso coreografie molto elaborate. Per questo motivo gli scienziati stanno studiando le figure e le routine dei più noti gruppi di ballerini hip-hop, per poi insegnarle ai robot. Che la musica cominci!

scopri le invenzioni che rivoluzioneranno il mondo

30 agosto 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us