Scienze

I registi di Hollywood si ribellano al 3D

La terza dimensione non aggiunge nulla alla trama di un film.

C’è chi sostiene che la terza dimensione non aggiunga niente alla trama, e chi si rifiuta di girare in 3D perché lo sforzo non vale la candela. La cordata dei registi ribelli aumenta, mentre le vendite dei biglietti per film in 3D crollano negli States.

“I tempi d’oro di Avatar sono finiti: il box office USA boccia il 3D.”

Solo una forzatura – Strano ma vero. Nonostante tutto questo parlare, e vedere in tre dimensioni, aumentano gli irriducibili del 2D e il loro motto è “se non riesci a fare bene un film, fallo in 3D”. Il riferimento non è solo ad Avatar, campione di incassi nel 2009 e criticato da più parti per la sua trama poco fantasiosa – un incrocio fra “Balla coi lupi” e il disneyano “Pocahontas” - ma soprattutto alle nuove pellicole 3D in uscita nei prossimi due anni: ben 60. La terza dimensione, per molti, è in alcuni casi una forzatura che non aggiunge assolutamente nulla alla trama. Concordano con questo giudizio sempre più registri, alcuni dei quali l’hanno detto a chiare lettere in occasione del recente Comic-Con di San Diego.

Ammutinamento! – A guidare la cordata dei registi ribelli, che sta dando non pochi grattacapi alle major di Hollywood, ci sono J. J. Abrams – autore di serie cult come Lost, Alias, Fringe – e Joss Whedon - il papà di Buffy, Dollhouse e Glee. Abrams, che l’anno scorso ha incassato 385 milioni dollari al botteghino con un suo “bi-dimensionale” Star Trek, sostiene che il 3D aggiunge poco o nulla alla storia se non parecchie rogne tecniche. Anche Whedon è convinto dell’inutilità del 3D ai fini della storia e contribuisce solo a complicare la vita del regista. Insomma, tanto sforzo per nulla.

Lotta a 3 dimensioni - Altri registi la pensano come J. J. Abrams e Joss Whedon. Christopher Nolan, per esempio, si è rifiutato di girare Batman 3 in 3D, così come i due film The Hobbit di Peter Jackson saranno rigorosamente in due dimensioni. Michael Bay, invece, ha accettato di girare alcune scene di Transformers 3 in 3D, ma non l’intero film.

Crollo dei biglietti 3D - E, alla luce dei risultati al botteghino degli ultimi film in 3D, i registi ribelli potrebbero anche avere ragione. I tempi d’oro di Avatar, infatti, sembrano finiti. Se il kolossal di James Cameron era riuscito a vendere l’80% dei biglietti 3D, la versione in tre dimensioni di Come Cani e Gatti 2 - uscito nelle sale americane lo scorso weekend – è riuscita a racimolare solo 6,9 milioni dollari, ovvero il 55% degli incassi totali.

Che il 3D stia già iniziando a stancare gli spettatori?

Guarda gli Home Theater da sogno

4 agosto 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us