Scienze

I progetti per riportare in vita l'uro

L'eredità genetica del grosso bisonte estinto è ancora presente in molte razze bovine. Due progetti puntano su questo retaggio per far rivivere il bue primitivo.

L'ultimo uro (Bos taurus primigenius) che abbia calcato la faccia della Terra, una femmina, morì nel 1627 nella foresta di Jaktorów, in Polonia. Da allora, del grosso bue primitivo che per millenni ha popolato le foreste di Europa, Caucaso e Siberia sono sparite le tracce.

Ma nella comunità scientifica c'è chi pensa che il bovino, che poteva raggiungere i 175 cm di altezza e 1.000 kg di peso, avesse un ruolo fondamentale nell'agricoltura e negli ecosistemi europei, e che farlo rivivere potrebbe essere di una qualche utilità.

Progressivo avvicinamento. Secondo un articolo pubblicato sulla versione australiana di Business Insider, due programmi di de-estinzione in particolare - Operation Taurus e The Tauros Project - si sarebbero spinti molto avanti in questa direzione. Entrambi si basano sull'eredità genetica degli uri presenti in alcune razze bovine odierne, come la Maremmana italiana o i bovini Busha o Podolici dei Balcani: selezionando sottospecie con questo "pedigree" e facendole incrociare "a ritroso", si ottengono generazioni sempre più simili all'uro originario.

Ritorno alle origini. Entrambe le iniziative fanno parte del programma Rewilding Europe, che ha l'obiettivo di reintrodurre specie selvatiche estinte nella speranza che alcune - come appunto i grandi erbivori - possano aiutare a ricreare varietà nel paesaggio naturale, incoraggiando lo sviluppo o la ricomparsa di altre specie animali o vegetali.

6 gennaio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us