Scienze

I primitivi non scagliavano le lance

Nonostante le braccia fortissime, gli uomini di Neanderthal non sapevano gettare le lanche

I primitivi non scagliavano le lance
Nonostante le braccia fortissime, gli uomini di Neanderthal non sapevano gettare le lanche

L'uomo di Neanderthal (qui le ossa del primo scheletro trovato) non sapeva usare al meglio le armi che possedeva.
L'uomo di Neanderthal (qui le ossa del primo scheletro trovato) non sapeva usare al meglio le armi che possedeva.

Le lance sono state una scoperta importante nella storia dell'umanità. Ma gli uomini di Neanderthal, che pure erano eccellenti cacciatori, non sapevano scagliarle; le usavano solo per infilzare la preda da vicino. A questa conclusione sono giunti alcuni ricercatori dell'università di Chapel Hill, in North Carolina (Usa). Steven Churchill e i suoi colleghi hanno esaminato le ossa delle braccia dei neandertaliani, e le hanno trovate asimmetriche, uno più forte dell'altro; ma le ossa erano anche più robuste in un senso (dall'avanti all'indietro) che nell'altro (da una parte all'altra). Questo farebbe pensare all'uso di un braccio dominante per tirare la lancia, ma gli archeologi hanno fatto un'ipotesi alternativa. Se un cacciatore tiene la lancia con un braccio e spinge con l'altro, dicono, un braccio si sforza più dell'altro, ma l'osso cresce inoltre in maniera asimmetrica, proprio come verificato nelle ossa misurate. Usare il braccio in questo modo, anche una sola volta la settimana, potrebbe essere stato sufficiente a produrre ossa asimmetriche come quelle che si riscontrano negli uomini di Neanderthal.

(Notizia aggiornata al 5 dicembre 2002)

3 dicembre 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Il racconto del decennio (1919-1929) che condusse un'Italia povera, ferita e delusa dalla Grande guerra nelle braccia di Mussolini. E ancora: distanziamento, lockdown, ristori... tutte le analogie fra la peste di ieri e il covid di oggi; come Anna Maria Luisa, l'ultima dei Medici, salvò i tesori artistici di Firenze; dalla preistoria in poi, l'impatto dell'uomo sull'ambiente e sul paesaggio.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello trattiene senza sforzo le informazioni importanti per sopravvivere. Qual è, allora, il segreto per ricordare? Inoltre: gli ultimi studi per preservare la biodiversità; la più grande galleria del vento d'Europa dove si testano treni, aerei, navi; a che punto sono i reattori che sfruttano la fusione nucleare.


ABBONATI A 29,90€

Litigare fa ammalare? In quale sport i gatti sarebbero imbattibili? Perché possiamo essere cattivi con gli altri? Sulla Luna ci sono nuvole? Queste e tante altre domande e risposte, curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R, d'ora in poi tutti i mesi in edicola!

ABBONATI A 29,90€
Follow us