Scienze

I primi uomini? Non erano cervelloni

Un teschio ritrovato in Georgia getta nuove luci sull'intelligenza dei nostri antenati. E sulla loro migrazione dall'Africa.

I primi uomini? Non erano cervelloni
Un teschio ritrovato in Georgia getta nuove luci sull'intelligenza dei nostri antenati. E sulla loro migrazione dall'Africa.

Il teschio ritrovato in Georgia mostra una scatola cranica minuscola, ma grossi denti. (Foto Science)
Il teschio ritrovato in Georgia mostra una scatola cranica minuscola, ma grossi denti. (Foto Science)

Viveva 1,75 milioni di anni fa ed era piccolo, aveva il naso corto e lunghi denti canini. A differenza dei suoi parenti che abitavano la terra in quell'epoca, aveva però un cranio, e un cervello, di dimensioni ridotte. Ciò nonostante era un Homo erectus, il primo dei nostri antenati ad aver abbandonato l'Africa per colonizzare il mondo.
Partenza anticipata. I resti dell'ominide, gli ultimi scoperti e trovati nel sito archeologico di Dmanisi in Georgia, hanno dimostrato che il viaggio è iniziato ben prima di quanto accertato finora, vale a dire un milione di anni fa. Hanno inoltre messo in dubbio una delle teorie fin qui più condivise sull'evoluzione dell'uomo, ovvero che sia stato proprio il cervello grande, dunque una maggiore intelligenza, a fornire ai primi uomini la capacità di adattarsi a nuovi ambienti e di espandere il proprio territorio.
Il cervello dell'uomo di Dmanisi fa pensare dunque che l'incremento della materia grigia non sia stata l'unica spinta alla migrazione, e che in ogni caso ci fosse ampia variabilità nelle popolazioni primitive.

(Notizia aggiornata al 5 luglio 2002)

5 luglio 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us