Scienze

I politici Usa e lo spam su Twitter

Twiiter scende in campo, ma per finta!

Alcuni ricercatori dell’Università dell’Indiana hanno utilizzato le tecniche del data-mining e di analisi delle Reti per dimostrare che i gruppi di azione politica stanno usando dei finti account di Twitter per creare consensi e opinioni.

“I ricercatori universitari che alcune opinioni su Twitter fanno parte di una propaganda politica”

Tecnica molto comune – Secondo il professore Filippo Menczer dell’Indiana University questa tecnica di spam politico è molto comune. Lo scopo delle ricerche è identificare la propaganda e le campagne di azione politica che sono mascherate da opinioni spontanee sul network Twitter. Le elezioni di medio termine negli USA sono il campo di questa battaglia elettronica.

Account sospetti - I ricercatori hanno svolto diverse analisi tecniche del network, dove le connessioni tra diversi membri di una rete si possono mappare. L’analisi delle reti è normalmente usata in matematica e nelle scienze e ha subito un’incremento e una crescita con l’avvento di Internet e delle reti sociali. Il team di ricerca ha ricevuto delle dritte da molti utenti di Twitter a riguardo di alcuni sospetti account e relativi messaggi, per cui ha deciso di svolgere un’analisi che metta in luce le connessioni relative a tali account.

Un meme nella Rete – I ricercatori hanno anche tracciato parole chiave e link che girano per la rete e si diffondono tra gli utenti. In pratica si parla di meme quando un concetto ha una diffusione quasi virale all’interno di una Rete. Se il meme proviene da utenti che non hanno connessioni in comune è legittimo, altrimenti c’è il sospetto che venga creato ad arte.

Lo spam è svelato - La ricerca ha svelato un diverso numero di account che spediva e duplicava messaggi del medesimo account, linkando, promuovendo il sito di uno dei candidati alle elezioni di medio termine. In un caso, 10 diversi account sono stati usati per postare centinaia di messaggi con un link promozionale per un sito dei conservatori americani.

Twitter: vip in mostra. Guarda la gallery!

2 novembre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us