Scienze

I mammiferi che mangiavano i dinosauri

Rivoluzionate le nostre conoscenze sui "rapporti" tra dinosauri e mammiferi.

I mammiferi che mangiavano i dinosauri
Rivoluzionate le nostre conoscenze sui "rapporti" tra dinosauri e mammiferi.

Ecco come avrebbero potuto essere i Repenomamus secondo gli studiosi cinesi.
Ecco come avrebbero potuto essere i Repenomamus secondo gli studiosi cinesi.

Finora i paleontologi hanno creduto che durante il dominio dei dinosauri, da circa 280 a 65 milioni di anni fa, i mammiferi abbiano ricoperto un ruolo da comprimari: animali di piccola taglia, raramente più grandi di un topo, che conducevano un'esistenza notturna, in eterna fuga dai rettili predatori e che perlopiù si cibavano di insetti. Ora però una sensazionale scoperta, avvenuta per merito di un team di studiosi americani e cinesi, ha modificato radicalmente questa idea.
I sedimenti fossiliferi della provincia di Liaoning, nella Cina nord orientale, già famosi per altri sensazionali ritrovamenti di fossili, hanno rivelato i resti di due specie di mammifero, finora sconosciute e assolutamente sorprendenti, che vissero nel Cretaceo, circa 128 milioni di anni fa.
Ultima cena. Il primo è Repenomamus robustus, grande circa mezzo metro, più o meno quanto un coniglio. Le ossa fossilizzate hanno rivelato che nello stomaco, al momento della sua morte, si trovavano ancora i resti dell'ultimo pasto: un dinosauro. L'animale predato era un giovane psittacosauro, lungo appena 15 cm, un dinosauro bipede dotato di un grande becco simile a quello dei pappagalli; in età adulta poteva misurare fino a 2 metri di lunghezza. «Era nella porzione inferiore sinistra del fossile - ha detto il paleontologo cinese Meng Jin, curatore di paleontologia al Museo americano di storia naturale di New York - proprio la posizione dove si trova lo stomaco anche nei mammiferi attuali».
Grande come un cane. L'altra specie ritrovata insieme al mammifero cacciatore di dinosauri era grande almeno il doppio. Gli studiosi l'hanno chiamata Repenomamus gigantus ed era più o meno della taglia di un cane, per un peso di almeno 13 kg. Un animale di queste dimensioni poteva sicuramente fronteggiare con successo molte specie di dinosauri di piccola taglia e, secondo gli studiosi che l'hanno scoperto, poteva competere con loro anche per il controllo di un territorio.
I ricercatori hanno chiamato i due mammiferi Repenomamus fondendo insieme le parole “reptile” (rettile) e “mammal” (mammifero). Questi animali infatti avevano un corpo largo e piatto, con zampe che sporgevano lateralmente, più o meno come succede per le lucertole. Ma le articolazioni delle zampe sono diverse da quelle dei rettili e consentivano loro una maggiore mobilità. Anche se non erano veloci corridori, i Repenomamus potevano probabilmente rizzarsi sulle zampe posteriori in un atteggiamento aggressivo per fronteggiare i predatori e anche inseguire rapidamente una preda.

(Notizia aggiornata al 18 gennaio 2005)

18 gennaio 2005
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us