Scienze

I dinosauri pelati di Jurassic Park 4

Anche nel prossimo, attesissimo episodio della saga i giganti preistorici saranno senza piume: l'annuncio del regista Colin Trevorrow ha acceso il disappunto dei paleontologi.

"No feathers. #JP4". Niente piume: detto e fatto. Il tweet enigmatico di Colin Trevorrow, regista dell'attesissimo Jurassic Park 4 (le cui riprese sono iniziate questo mese), ha acceso vivaci discussioni su Twitter e preoccupato non poco i paleontologi. Dopo i T-rex, i Velociraptor, i brachiosauri e gli altri giganteschi protagonisti degli episodi precendenti, il quarto film della saga dei dinosauri presenterà nuovi bestioni preistorici, ma tutti, a quanto pare, implumi, nonostante la scienza abbia già appurato che diversi di questi animali sfoggiavano decorazioni piumate.

Da non perdere: l'autopsia di un baby dinosauro (le foto)
Dramma primordiale, la battaglia tra un Protoceratops e un Velociraptor: chi sopravviverà?

Le aveva il Velociraptor, dinosauro carnivoro delle dimensioni di un tacchino che pure dal primo film della serie, uscito nel 1993 per la regia di Steven Spielberg, è presentato senza penne; e le avevano anche i predatori della specie Yutyrannus huali, antenati dei T-Rex lunghi almeno 9 metri. Uno studio pubblicato lo scorso anno ha dimostrato persino l'esistenza di dinosauri simili a grandi piccioni con le penne iridescenti (per vedere le loro ricostruzioni in una gallery clicca qui).

«Sono scocciato dal mancato riguardo per la conoscenza» ha dichiarato senza troppi giri di parole Darren Naish, paleontologo della Università di Southampton, UK. «Così si perpetua la nozione secondo cui i dinosauri non erano altro che dragoni a scaglie, creature aliene lontane dai moderni animali». Altri come il paleontologo britannico e consulente cinematografico Mark Witton, sostengono si sia sprecata l'opportunità di divulgare le più moderne scoperte della paleobiologia presso il grande pubblico (qui l'intervento di Witton sul suo blog, in inglese).

Lo scienziato che vuole creare il "pollosauro" (leggi)
Dai dinosauri agli uccelli: fai volare un Archaeopteryx

Rendere le piume con la Computer-generated imagery, la tecnologia digitale 3D utilizzata per gli effetti speciali in film e videogiochi, non è semplice, ma recentemente sono stati fatti molti progressi in questo campo. Nel film d'animazione Up della Pixar (2009) fa la sua comparsa a un certo punto un uccello piumato mentre ne Il regno di Ga'Hoole - La leggenda dei guardiani (2010) si vedono armate di gufi e civette con il loro bel piumaggio. Come mai, allora, questa scelta? Troppo presto per dire se si sia trattato di una decisione che segue criteri precisi o solo un modo per agitare un po' le acque. Il film non sarà nelle sale prima del 2014.

Paleontologia hi-tech, il dinosauro si stampa in laboratorio

9 aprile 2013 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us