Scienze

I comuni italiani twittano sempre di più

(Adnkronos) - I comuni usano twitter soprattutto
per veicolare notizie sul territorio, sulla cultura, news di pubblica
utilità e sul turismo. E' uno degli aspetti fotografati dalla ricerca
'Cittadini e istituzioni, prosumers di informazione: i comuni italiani
e Twitter', realizzata dal Laboratorio Ladest dell'Universita' di
Siena e presentata nel corso del convegno 'Italia di Twitter. Le nuove
forme della comunicazione pubblica', in corso nella sede dell'Anci a
Roma.

Analizzando gli hashtag piu' utilizzati dai profili, infatti,
emerge che al momento le notizie riguardano soprattutto il territorio
(notizie storico-geografiche, folklore, accessibilita'), la cultura
(eventi, manifestazioni), i servizi di pubblica utilita' (trasporti,
salute), il turismo e le previsioni atmosferiche. Ancora poco
utilizzati hashtag relativi alla governance (bilanci comunali,
interventi di pianificazione urbanistica). Da questo aspetto, secondo
la ricerca, emerge che l'uso "di twitter da parte dei comuni e' ancora
nella fase iniziale, in quanto spesso lo si usa per inviare
informazioni di vario genere ma non per raccogliere le risposte dei
cittadini, operazione che indubbiamente richiede delle abilita' piu'
avanzate".

D'altra parte la diffusione dei profili Twitter nei comuni e'
iniziata lentamente, da parte di alcuni pionieri (Rimini nel 2007 e
Torino nel 2008): un'impennata c'e' stata poi nel 2012, quando il
fenomeno e' esploso. La sperimentazione di twitter e' in fase di
ulteriore diffusione. Basti pensare che una prima rilevazione a maggio
registrava circa 380 profili, ad oggi cifra assai maggiore.
Dall'analisi emerge tuttavia "la necessita' di sfruttare meglio le
potenzialita'" di twitter anche con interventi mirati per "saper usare
lo strumento, avere personale dedicato, sensibilizzare e aumentare la
massa critica e ascoltare i tweet".

3 dicembre 2013
Tag scienza - scienze -
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us