Scienze

I belli? Le smorfie non riescono a imbruttirli

Fortunati i belli! Perché se sono "belli" ci piaceranno anche se fanno smorfie e facce brutte...

Non c'è bisogno che sorridano o si mettano in posa: se sono per davvero belli, piaceranno comunque, anche quando fanno smorfie o esibiscono espressioni di disgusto. La regola vale anche per chi bello non è: che sorrida o meno, poco cambia nella percezione del suo aspetto da parte nostra. Lo rivela uno studio del Dipartimento di psicologia dell'Università di Portsmouth, condotto dal dottor Ed Morrison e pubblicato su the Journal of Nonverbal Behavior.

Leggi anche: i volti della bellezza.

Si tratta del primo studio che compara le capacità attrattive di un volto nelle sue diverse espressioni. Morrison ha chiesto a 128 uomini e donne di votare i volti più gradevoli tra quelli di 30 persone fotografate al naturale, sorridenti, arrabbiate, impaurite e disgustate. Risultato? Di fronte allo stesso viso, i giudizi cambiavano di poco. E nessuno degli intervistati riteneva che un'espressione felice fosse più attraente di un'espressione neutra. Morrison è così arrivato alla conclusione che «I tessuti profondi di un volto non sono modificabili. E sia gli uomini sia le donne riescono a capire se un viso è attraente o meno a prescindere dalle espressioni facciali».

Leggi anche: quanto si rischia per la bellezza.

Secondo Morrison, più che a rendere una persona attraente, le espressioni del viso servono a indicarci le sue intenzioni: difficilmente tenteremo un approccio con qualcuno che mostra un'espressione di disgusto o rabbia. Mentre avvicineremo più volentieri chi sorride. Ma l'attrazione in tutto questo non c'entra. E uomini e donne la pensano alla stessa maniera: «Giudicano l'attrazione allo stesso modo», chiosa Morrison, «probabilmente perché entrambi devono essere in grado di valutare le capacità attrattive delle persone del sesso opposto come potenziali compagni e quelle delle persone dello stesso sesso come concorrenti».

Leggi anche: Bellezza: per ammirarla gli uomini usano meno cervello delle donne.

12 marzo 2013 Eugenio Spagnuolo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Albert Einstein amava la vita, la fisica e odiava le regole. Osteggiato in patria e osannato nel mondo, vinse molte battaglie personali e scientifiche. A cento anni dal Nobel, il ritratto del più
grande genio del Novecento che ha rivoluzionato le leggi del tempo e dello spazio. E ancora: la storia di Beppe Fenoglio, tra scrittura e Resistenza; l'impresa di Champollion, che 200 anni fa decodificò la stele di Rosetta e svelò i segreti degli antichi Egizi; contro il dolore, la fatica, la noia: le droghe naturali più usate nel corso dei secoli.

ABBONATI A 29,90€

Il sonno è indispensabile per rigenerare corpo e mente. Ma perché le nostre notti sono sempre più disturbate? E a che cosa servono i sogni? La scienza risponde. E ancora: pregi e difetti della carne, alimento la cui produzione ha un grande impatto sul Pianeta; l'inquinamento e le controindicazioni dell’energia alternativa per gli aerei; perché ballare fa bene (anche) al cervello. 

ABBONATI A 31,90€
Follow us