Speciale
Domande e Risposte
Scienze

I batteri sanno che ore sono?

Anche i batteri non fotositentici hanno un orologio biologico, proprio come animali, piante e umani: una scoperta che potrebbe avere importanti implicazioni in ambito medico.

L'orologio biologico è quel meccanismo che regola i ritmi della vita di umani, animali e piante, non solo durante la giornata, aiutando il nostro corpo a capire quando è giorno e quando è notte e stabilendo i cosiddetti ritmi circadiani, ma anche nel corso dell'anno, segnalando ad esempio agli animali quando è il momento di andare in letargo o di migrare. Se studi precedenti avevano già dimostrato che i cianobatteri, batteri fotosintetici che producono glucosio, hanno degli orologi biologici interni, fino ad ora nulla si sapeva sui batteri non fotosintetici. Uno studio pubblicato su Science Advances ha riempito questo vuoto, rivelandoci che anche i batteri non fotosintetici regolano la propria attività molecolare basandosi su un orologio interno: una scoperta che può avere sorprendenti ricadute positive nella somministrazione di terapie e persino nella lotta biologica agli infestanti, in agricoltura.

Geni e cicli. I ricercatori hanno analizzato il batterio Bacillus subtilis, comunemente chiamato bacillo del fieno o dei pascoli, concentrandosi in particolare su due geni: l'ytvA, recettore della luce blu, e l'enzima KinC, che induce la formazione di biofilm e spore nel batterio. Gli studiosi hanno quindi osservato il comportamento dei due geni in una situazione di buio totale, confrontandola con una situazione di alternanza luce-buio (di 12 ore per ogni fase): è emerso che i livelli dei due geni aumentavano durante il buio e diminuivano durante la luce, seguendo dei cicli simili ai nostri ritmi circadiani, e che i cicli venivano rispettati anche durante le 24 ore di buio totale, a dimostrazione dell'esistenza di orologi "interni" ai batteri.

I geni si sono inoltre dimostrati sensibili alle variazioni di temperatura, e non in un modo "meccanico", reagendo al semplice cambio di temperatura momentaneo, ma seguendo un ritmo dettato dal loro orologio biologico. «Abbiamo scoperto per la prima volta che anche i batteri non fotosintetici sanno che ore sono», spiega Martha Merrow, capo dello studio. «Adattano le loro attività molecolari alle fasi della giornata, captando i cicli nella luce o nella temperatura ambientale».

Importanti implicazioni. Nonostante possa sembrare ai non addetti ai lavori una scoperta "di nicchia" e poco utile alla vita di tutti i giorni, non è affatto così. Secondo i ricercatori, i risultati di questo studio potrebbero avere implicazioni non solo in ambito medico (l'orario in cui si verifica l'esposizione al batterio è importante ai fini di un'eventuale infezione? L'orario di assunzione incide sull'efficacia di un trattamento antibatterico?), ma anche agricolo, dal momento che il bacillo del fieno viene utilizzato (anche) come fungicida nelle coltivazioni: «Riuscire a programmare l'orologio biologico di questo batterio», spiega Ákos Kovács, uno degli autori dello studio, «avrebbe conseguenze anche in diverse campi della biotecnologia».

Leggi l'ultimo numero di Focus Domande & Risposte!

19 gennaio 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us