Scienze

High Summit, così cambia la montagna

In questi giorni (23-24-25 ottobre 2013) in sta tenendo a Lecco l’High Summit, una Conferenza internazionale su montagna e cambiamenti climatici, organizzata...

In questi giorni (23-24-25 ottobre 2013) in sta tenendo a Lecco l’High Summit, una Conferenza internazionale su montagna e cambiamenti climatici, organizzata dal Comitato Ev-K2-CNR in collaborazione con Politecnico di Milano, Consiglio Nazionale delle Ricerche e la Camera di commercio e Comune di Lecco. Questi alcuni elementi venuti alla luce dai relatori che si stanno alternando alla Conferenza. Ghiacciai dimezzati
Solo sulle Alpi rispetto al 1850 circa, la superficie glaciale si è ridotta di circa la metà. lo spessore di neve e di ghiaccio che si fonde anche di 5 o 6 metri ogni estate, non viene rimpinguato d’inverno. Nel mondo, negli ultimi 100 anni è andato perso il 5%-10% dei ghiacciai. In Lombardia, in particolare, la superficie totale dei ghiacciai si è ridotta del 23%, passando dai 115 kmq degli anni ‘50, agli 89 kmq attuali. Un esempio eclatante delle conseguenze è il fatto che il rifugio ai Caduti dell’Adamello (lobbie Alte) ha dovuto essere spostato perché il vecchio edificio, costruito nel 1929 direttamente sul ghiacciaio, era ormai pericolante a causa del grande ritiro subito dalle nevi. Da circa 30 anni, la neve tende a fondersi in primavera più precocemente rispetto al passato. Questo vuol dire che le erbe alpine possono fiorire prima, e non tutte le specie animali riescono ad anticipare le loro attività. Lo sfasamento rispetto all’attività degli insetti impollinatori è molto grave e porta all’estinzione di diverse specie. L’influenza del cambiamento climatico su ecosistemi e popolazioni è diretta, come dimostra uno studio sugli stambecchi del Parco Nazionale del Gran Paradiso: dopo il 1997, la popolazione di stambecchi è crollata. Le cause del fenomeno potrebbero essere legate ai cambiamenti climatici: fioritura anticipata delle erbe che di solito le femmine mangiano quando le femmine danno alla luce i piccoli; sopravvivenza nei mesi invernali, per le temperature meno rigide, dei parassiti e delle loro larve, che espongono a rischi i neonati di stambecco. Conseguenze
Se le cose rimarranno stabili i fiumi lombardi potrebbero andare incontro a diminuzioni rilevanti del proprio deflusso nei prossimi 30 o 40 anni. In Valtellina, una riduzione intensa dei ghiacciai potrebbe creare problemi nell’alimentazione di città come Milano. Per i 23.800 ettari di piste innevabili delle Alpi, occorrono ogni anno circa 95 milioni di metri cubi d’acqua per produrre neve artificiale che corrisponde approssimativamente al consumo annuo d’acqua di una città con 1,5 milioni di abitanti. Ci si chiede: è giusto? Importanza dei ghiacciai Le pareti delle montagne sono come “incollate” dal ghiaccio interstiziale, dal terreno perennemente gelato chiamato “permafrost”. L’incremento della temperatura che determina la diminuzione del permafrost provoca frane e dissesti. L’enorme frana del Pelmo, che due anni fa in Dolomiti ha ucciso 2 uomini del soccorso alpino e scaricato a valle 3000 metri cubi di roccia, è stata causata proprio dalla fusione del permafrost Previsioni Entro il 2100 gli inverni in potrebbero essere più caldi di 3-5°C e le estate di 6-7°C, mentre le precipitazioni potrebbero concentrarsi nei mesi freddi invece che in quelli estivi. Nei prossimi decenni, il limite delle nevicate salirà di 150 metri per ogni grado di riscaldamento atmosferico. Entro il 2050, il riscaldamento sarà di circa 2 gradi ma sopra i 1500 metri sarà più intenso.

24 ottobre 2013 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us