Scienze

Hai un nome strano? Colpa del meme.

Perché diamo ai nostri figli i nomi dei calciatori? E perché non glieli diamo.

Hai un nome strano? Colpa del meme.
Perché diamo ai nostri figli i nomi dei calciatori? E perché non glieli diamo.

Un figlio di nome Sheva? Forse qualche supertifoso rossonero darà a suo figlio  il nome del capocannoniere del campionato.
Un figlio di nome Sheva? Forse qualche supertifoso rossonero darà a suo figlio il nome del capocannoniere del campionato.

Se credete che i successi del Milan e della Ferrari nel giro di qualche anno riempiranno i nostri asili di Andriy, Ivan Gennaro e Michael, vi state sbagliando: uno studio della University College di Londra ha recentemente dimostrato la scarsa influenza dell'effetto celebrità nella scelta dei nomi dei bambini.
Un team di ricercatori coordinati da Alexander Bentley, ha analizzato i registri anagrafici americani dello scorso secolo, e ha messo a punto un modello matematico in grado di spiegare l'evoluzione di alcuni fenomeni culturali o legati alle mode, come la scelta dei nomi dei figli.
Nomi nuovi per le femmine. Il primo risultato emerso è la maggior frequenza di nomi insoliti nelle bambine rispetto ai maschi: mentre i genitori di questi ultimi spesso si sentono quasi costretti a chiamare i figli con il nome di un avo, i genitori delle bambine sono meno condizionati e maggiormente disponibili a scegliere nomi originali, magari legati a concetti di eleganza e bellezza (come Mareta, che significa “perla”).
Figli della casualità. Secondo i ricercatori, lo schema che regola la distribuzione dei nomi è legato ad un fenomeno noto come imitazione casuale. La maggior diffusione di Giuseppe o Anna, fa sì che i genitori siano più propensi a chiamare i figli in questo modo, piuttosto che dar loro nomi come Annibale o Bernarda. Anche la frequenza di alcuni nomi è frutto del caso: se l'effetto celebrità spiega almeno in parte il grande numero di Britney nate negli USA negli ultimi anni, di certo non giustifica l'elevatissimo numero di Tyler registrato nel 1992.
L'evoluzione dei memi. Secondo Bentley, lo schema dell'imitazione casuale è applicabile anche ad altri fenomeni legati alle mode,come la scelta della razza del cane. Vengono così rimesse in discussione le teorie mutuate dalla genetica che legano l'evoluzione culturale dell'uomo a quella biologica.
Tali teorie avevano introdotto il concetto di “meme”, cioè di unità base dell'idea, in grado di trasmettersi da un individuo all'altro, di evolversi e di estinguersi esattamente come i geni, unità base della vita fisiologica.
L'analisi di Bentley evidenzia come l'imitazione casuale possa comunque essere influenzata da fenomeni esterni: per esempio il film “La carica dei 101” ha dato una grossa spinta alla diffusione del meme “razza del cane dalmata”, così come il fenomeno Ferrari può far guadagnare forza al meme “nome Michael”.
Il successo dura poco. Questi memi sono però destinati a regredire con il tempo: Schumacher smetterà di correre e di essere famoso, e il suo nome perderà attrattiva; allo stesso modo l'eccessiva distribuzione dei dalmata li renderà meno interessanti, avvantaggiando così il meme di una diversa razza.

(Notizia aggiornata al 9 giugno 2004)

9 giugno 2004
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us