Guardare e non toccare

Fino a che punto è lecito abbandonarsi alla forza dell’istinto sessuale? Quando un comportamento diventa perverso? Come altre azioni dell’uomo, anche quelle associate al sesso se sono portate...

afp_par1525984
Guardare e non toccare
Fino a che punto è lecito abbandonarsi alla forza dell’istinto sessuale? Quando un comportamento diventa perverso? Come altre azioni dell’uomo, anche quelle associate al sesso se sono portate all’eccesso diventano ossessive.
Non è perverso chi butta l’occhio quando passa una ragazza in topless. Più complesso è il caso di questi visitatori di una fiera del sesso a Budapest, intenti a fotografare ogni centimetro di una ballerina di lap dance completamente nuda.
Il voyeurismo, cioè l’atteggiamento di chi guarda (l’origine è dal francese voyeur, dal verbo voir, vedere) è il bisogno o il comportamento che porta a guardare o spiare persone mentre sono nude, in intimo, o mentre hanno rapporti sessuali. Non è necessariamente considerato come una perversione o come una forma patologica di sessualità. Lo diventa quando per un periodo di tempo prolungato è l'unica forma di soddisfazione sessuale raggiunta dal soggetto, provocando danni o limitazioni alla sua vita di relazione, o quando si rivolgono a persone ignare o non consenzienti.
12 Gennaio 2008 | Federica Ceccherini