Scienze

Gli chef hanno un cervello particolare?

Secondo un recente studio, gli chef hanno un cervelletto più sviluppato rispetto a chi svolge altri lavori. È simile, invece, a quello degli scacchisti. E non solo.

Gli chef hanno un cervelletto più sviluppato rispetto a chi svolge altri lavori mentre lo hanno simile a quello degli scacchisti, dei musicisti e degli sportivi. Lo sostiene una ricerca dell’Istituto di bioimmagini e fisiologia molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche (Ibfm- Cnr) di Catanzaro.

Nello studio, 11 chef sono stati sottoposti a test neuropsicologici e a una risonanza magnetica: è emerso che il loro cervelletto (la parte del cervello che interviene nella coordinazione motoria e nella programmazione cognitiva dei movimenti) presenta un aumento di volume legato al numero di persone che compongono la brigata di cucina e alle abilità nello svolgere gesti complessi.

Allenamento. «In pratica, più persone lo chef deve coordinare, più sarà veloce a programmare nella mente le azioni che dovrà compiere nel tempo, più il cervelletto aumenta di volume», spiega il ricercatore Antonio Cerasa.

L’allenamento quindi produce modifiche a lungo termine sia a livello di comportamento sia a livello organico, rendendo il cervello degli chef “speciale”.

Altre 250 curiosità, informazioni e risposte su cibo e alimentazione le trovi sul nuovo numero di Focus Domande & Risposte da cui è tratto questo articolo. Scopri qui sotto l'anteprima.

30 maggio 2017
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us