Scienze

Gli anestetici addormentano anche le piante

Alcune piante sono capaci di muoversi rapidamente, ma non quando vengono anestetizzate. Una scoperta che fa sorgere nuove domande sul già oscuro funzionamento degli anestetici.

Già nel 3.500 a.C. i Sumeri utilizzavano alcune piante come anestetici, ma il meccanismo per cui alcune sostanze ci portano all'oblio dei sensi è ancora misterioso. Fondamentalmente, non è ancora chiaro il modo in cui questi diversi composti, senza somiglianze strutturali, e persino elementi chimicamente inerti come il gas nobile xeno, riescano a fare perdere conoscenza.

Ora un nuovo studio condotto sulle piante - in particolare quelle carnivore - ha aggiunto un piccolo tassello a questo puzzle, stabilendo che gli anestetici inibiscono il potenziale d'azione, una caratteristica bioelettrica che condividiamo non solo con gli animali, ma anche con alcune piante.

La Dionea, o Venere Acchiappamosche
La Dionea, o Venere Acchiappamosche, chiude le sue foglie rapidamente per intrappolare piccoli artropodi (spesso insetti) che le servono come fonte di azoto.

Non si muove una foglia. La pianta sensitiva (Mimosa pudica), chiude le foglie quando viene toccata; ma una volta esposta a etere dietilico è rimasta immobile per 7 ore, nonostante venisse punzecchiata dai ricercatori.

Esposta alla stessa sostanza, la Venere acchiappamosche (Dionaea muscipula) ha perso la capacità di far scattare sua trappola (vedi video a fine pagina), ma il meccanismo si è ripreso in soli 15 minuti.

Un'altra pianta carnivora, la Drosera capensis, è solita catturare prede grazie ai tentacoli appiccicosi sulle sue foglie (vedi video a fine pagina), ma l'etere le ha fatto perdere la capacità di muovere sia foglie che tentacoli.

Che le piante fossero sensibili agli anestetici, si sapeva da più di un secolo, da poco dopo il primo uso di etere dietilico per fini anestetici. Fu una scoperta incredibile: animali e piante condividevano un'essenza biologica comune, un'essenza che poteva essere disturbata dagli anestetici. Come spiegano i ricercatori, ad animare uomini, animali e piante è la bioelettricità, nella forma del potenziale d'azione: un repentino aumento di elettricità delle cellule.

Questa ricerca propone quindi che l'efficacia degli anestetici stia nell'inibizione del potenziale d'azione, una caratteristica fondamentale dei neuroni, che però si ritrova, appunto, anche in alcune piante.

Comune a piante e uomini. La natura di movimenti, cognizione e intelligenza delle piante è più vicina ad essere compresa, proprio grazie a questa connessione. Di contro, il team ritiene che la somiglianza nella reazione agli anestetici permetterà l'uso di piante come banco di prova per dei test troppi pericolosi per essere effettuati sugli uomini.

VIDEO: IL PASTO DI UNA VENERE ACCHIAPPAMOSCHE

VIDEO: IL PASTO DI UNA DROSERA CAPENSIS

18 dicembre 2017 Davide Lizzani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita straordinaria di Rita Levi-Montalcini, l'unica scienziata italiana premiata con il Nobel: dall'infanzia dorata alle leggi razziali, dagli studi in America ai legami con una famiglia molto unita, colta e piena di talenti. E ancora: l'impresa in Antartide di Ernest Shackleton; i referendum che hanno cambiato il corso della Storia; le prime case popolari del quartiere Fuggerei, ad Augusta; il mito, controverso, di Federico Barbarossa.

ABBONATI A 29,90€

Tutto quello che la scienza ha scoperto sui buchi neri: fino a 50 anni fa si dubitava della loro esistenza, ora se ne contano miliardi di miliardi. Inoltre, come funziona la nostra memoria; l'innovativa tecnica per far tornare a camminare le persone paraplegiche; la teconoguerra in Ucraina: quali sono le armi tecnologiche usate.

ABBONATI A 31,90€
Follow us