Scienze

Gli agricoltori italiani vogliono le coltivazioni Ogm

In Italia coltivare Ogm non è proibito, ma le leggi sono confuse e i rischi troppo alti. Per questo gli agricoltori chiedono leggi migliori e più libertà.

Si torna a parlare di Ogm. E a farlo, questa volta, non sono né gli scienziati nè gli ambientalisti. Bensì i diretti interessati: gli agricoltori.
In una lettera appello rivolta alle senatrice-scienziata Elena Cattaneo e a tutti i parlamentari chiedono “Libertà di ricerca scientifica e quella di impresa”. Ovvero: poter coltivare le loro terre (più o meno 30mila ettari di terreno) con piante Ogm.
Al momento, in Italia, non ci sono divieti espliciti nei confronti degli Ogm, ma la confusione legislativa è tale da rendere di fatto rischioso, per gli agricoltori, procedere con queste coltivazioni. E inoltre forte il rischio di incorrere in dimostrazioni o sabotaggi da parte degli oppositori più accaniti.

Pregiudizi
Al documento, corredato da 716 firme, ha risposto anche dalle pagine del Corriere della Sera Elena Cattaneo che scrive, tra l'altro: “Penso che in Italia la discussione si sia impantanata in quanto condizionata da pregiudizi ideologici e interessi di nicchia rispetto ai quali anche la più corretta informazione non riesce a incidere”.

Motivo in più per continuare a informare, nel modo più obiettivo ed equilibrato possibile. Sul numero di Focus Extra dedicato al cibo attualmente in edicola gli Ogm sono i protagonisti di un ampio servizio che cerca di far luce su pregiudizi, luoghi comuni e incertezze che ancora ruotano attorno alle piante geneticamente modificate. Ecco, che cosa scriviamo sull'argomento.

11 giugno 2014 Emanuela Cruciano
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us